BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STAMINALI/ Coviello (genetista): adulte e riprogrammate, per una medicina personalizzata

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Sì, tra le possibilità di isolare cellule staminali adulte da tessuti è diventata di grande interesse la possibilità di isolarle da un tessuto che pur appartenendo alla categoria “adulto” è il più giovane possibile: il sangue del cordone ombelicale. In questo caso ci sono già esempi di applicazioni terapeutiche note. Il trapianto di queste cellule può curare malattie tumorali del sangue come la leucemia e i linfomi (tumori del sistema linfatico); può curare anche patologie non tumorali come la talassemia (malattia ereditaria del sangue), l’aplasia midollare (mancata produzione delle cellule del sangue), le immunodeficienze congenite (malfunzionamento del sistema immunitario che causa una maggiore predisposizione alle infezioni); è utile inoltre per la cura di persone sottoposte a chemioterapia o terapia radiante ad alte dosi.

 

Perché è così interessante il discorso della riprogrammazione?

 

La riprogrammazione di cellule adulte in cellule staminali verrà discussa per un utilizzo di ricerca in quanto costituisce un modello sperimentale molto più vicino all’uomo rispetto alla sperimentazione negli animali, per esempio a quella sul topo. Tale sistema è particolarmente utile per studiare le anomalie di funzione dovute a mutazioni del DNA, soprattutto in quelle malattie che colpiscono tessuti umani difficilmente studiabili in laboratorio, quale il tessuto nervoso o cardiaco.

 

Qual è la sua esperienza in proposito?

 

Nel nostro laboratorio di Genetica Umana al Galliera di Genova stiamo riprogrammando cellule della pelle di alcuni bambini in cui abbiamo identificato la mutazione sul DNA che causa l’epilessia in questi pazienti. La riprogrammazione sarà utile per trasformare le cellule in neuroni, sui quali i colleghi neurofisiologi e farmacologi potranno fare esperimenti in laboratorio per capire bene il difetto e trovare nuovi farmaci per correggerlo. Questo è uno dei metodi che viene utilizzato per ottenere una medicina personalizzata da molti auspicata.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.