BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ Belgiorno (univ. Salerno): cresce la preoccupazione per i “contaminanti emergenti”

Pubblicazione:

Foto InfoPhoto  Foto InfoPhoto
<< Prima pagina

L’iniziativa nasce all’interno del Global Network of Environmental Science and Technology (Global NEST), una rete nata per raccogliere l’interesse per le problematiche ambientali nell’area mediterranea e proporre azioni e interventi qualificati. Il convegno raduna 5-600 delegati prevalentemente dai Paesi che si affacciano sul Mediterraneo ed è una preziosa occasione per ricercatori di questa vasta area per incontrarsi e confrontarsi. Quest’anno c’è stata una presenza molto significativa del mondo arabo anche per effetto di un’iniziativa degli Emirati Arabi che hanno sponsorizzato il convegno con un premio intitolato alla memoria di un ricercatore saudita. Devo aggiungere che personalmente ho trovato fantastico vedere in una stessa occasione colleghi palestinesi israeliani e arabi confrontarsi ad esempio su un tema come quello dell’utilizzo delle acque che è tra l’altro uno dei fattori che concorrono a determinare la crisi in Medio Oriente.

A proposito di acque, in Italia sembra che l’attenzione al tema sia ciclica, segua alti e bassi: attualmente cosa possiamo dire del controllo della qualità delle acque nel nostro Paese?

È ciclica per quanto riguarda i media, ma l’attenzione della comunità scientifica è sempre molto elevata. Per quanto riguarda le normative ambientali, rispetto al contesto europeo possiamo dire che in Italia siamo sovranormati, quindi abbiamo una legislazione ambientale che in qualche misura ci favorisce; e devo dire che in genere c’è anche un controllo attento della qualità delle acque destinate al consumo umano. Alcune perplessità sorgono invece, in relazione alla limitate capacità di investimento per il sistema di distribuzione delle acque e per la qualità degli impianti di depurazione che richiederebbero interventi sostanziali soprattutto in alcune aree.

Si sta già pensando a una prossima edizione?

Sì, e stiamo valutando se mantenerla nelle isole greche o spostarla in Spagna o magari in Italia.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.