BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CERN/ 60 anni di Big Science per ampliare il nostro sguardo sulla natura

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

la nuova scultura posta all’ingresso del Globe (Foto Federico Brunetti)  la nuova scultura posta all’ingresso del Globe (Foto Federico Brunetti)
<< Prima pagina

Nell’era del digitale le capacità infinitesimali di controllo, e nondimeno di predizione statistica, esulano gli ambiti della polis percepibile, coltivando invece quel mondo istantaneo e insonne della rete dove apparentemente nessuno pare controllare tutto. La scienza ridotta a supremazia tecnica, come l’arte convogliata a propaganda, mostrano come il potere del sapere debba costantemente ri-interrogarsi e ri-orientare l’instancabile servizio della ricerca verso la possibile verità piuttosto che il dominio del mero consenso.

Generazioni di premi Nobel, cresciuti anche grazie alle opportunità di ricerca offerte da una struttura trasparente e internazionale come il Cern (quest’anno il nostro Carlo Rubbia compie ottant’anni!) ci hanno accompagnato alle colonne d’Ercole della decifrazione del libro galileiano della natura (come mostra esemplarmente una nuova scultura posta all’ingresso del Globe).

Tocca ad ognuno preservare i contenuti etici e cognitivi di questo messaggio che, indagando il Big Bang e trapassando particelle infinitesimali e galassie, ci fa ri-trovare come umani osservatori (guardacaso… ) quasi al centro non di uno ma di due universi: uno dentro e uno fuori; come volevasi dimostrare. 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.