BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATEMATICA/ Alla Triennale, per assaggiare la geometria in 4 dimensioni

Pubblicazione:

Foto della mostra MateinItaly  Foto della mostra MateinItaly

È aperta fino al 23 novembre, presso la Triennale di Milano, la mostra “MateinItaly – Matematici alla scoperta del futuro”, organizzata dal Centro “Matematita” dell’Università degli Studi di Milano e dal Centro PRISTEM dell’Università Bocconi di Milano, e curata da Renato Betti, Gilberto Bini, Maria Dedò, Simonetta Di Sieno e Angelo Guerraggio, tutti docenti universitari.

Si tratta di una mostra didattico-divulgativa rivolta anzitutto a studenti e insegnanti delle scuole di ogni tipo (mi risulta siano state prenotate oltre 400 visite guidate di classi, dalla scuola primaria ai licei), e naturalmente a chiunque abbia curiosità sulla matematica. Uno spazio dove attraverso installazioni interattive, filmati, immagini, oggetti e testi, si cerca di comunicare ai non specialisti qualcosa di significativo su che cos’è la matematica. Il percorso si snoda attraverso ambienti successivi, che toccano aspetti diversi e complementari.

Anzitutto il fatto che la matematica sia antica quasi quanto l’uomo, e a partire dal “semplice” contare e misurare si sia sviluppata attraverso una storia lunga e ricca di problemi. Quindi la ricerca di comprensione della realtà che ci circonda, attraverso i modelli matematici, un aspetto che viene esemplificato con i modelli planetari, i problemi della cartografia nel rappresentare il nostro mondo, l’uso della prospettiva in pittura, il modello preda-predatore con cui Vito Volterra negli anni 1920 studiò la dinamica delle popolazioni ittiche nel Mare Adriatico, fino a certe applicazioni odierne della fluidodinamica e di altre discipline matematiche alla medicina, allo sport, o alla progettazione di oggetti di vario tipo.

È un percorso costruito non tanto su testi da leggere quanto su interviste da ascoltare e soprattutto oggetti, filmati e installazioni con cui interagire. Come un grande schermo touchscreen con cui possiamo scegliere quale parte del globo vogliamo vedere rappresentato su carta geografica e poi, selezionando il tipo di proiezione geometrica, vedere come si trasformi l’aspetto dei vari paesi. O un modello planetario su schermo in cui selezionando il Sole o un pianeta vediamo i moti di tutti i pianeti dal punto di osservazione scelto. Lungo tutto l’arco della mostra ci sono poi pannelli-schermi su cui vediamo in grandezza reale certi matematici italiani, che avvicinandoci a loro prendono la parola e ci spiegano questo o quell’aspetto del percorso.

Dopo la parte dedicata ai modelli matematici e al rapporto matematica-realtà fisica, segue una sezione centrata sulla ricerca matematica teorica, l’astrazione matematica, con i suoi problemi e i suoi metodi. 



  PAG. SUCC. >