BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ASTRONAUTI/ Allarme per le future missioni: meno attività solare, più raggi cosmici

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Lo ha ammesso anche Giacinto De Taranto, il temerario ingegnere napoletano selezionato da Mars One per il viaggio di sola andata su Marte: intervistato dal Corriere della Sera, De Taranto ha dichiarato che il primo problema di una simile missione sono le radiazioni: «se non si trova il modo si schermarle è impossibile sopravvivere». Ciò nonostante, si sta preparando per il volo – il primo lancio è previsto per il 2024 - confidando (chissà su quali basi) nella possibilità che qualcuno trovi il modo di "schermare" le micidiali radiazioni.

Gli scienziati però sanno bene che si tratta di ostacoli difficili da superare. Ne offre una conferma un recente studio sull’interazione tra i raggi cosmici galattici e la radiazione solare condotto presso l'Istituto per lo studio di Terra, Oceani e Spazio (EOS) dell'università del New Hampshire e riportato in un articolo della rivista specializzata Space Weather. Il rinnovato allarme preoccupa non poco scienziati e tecnici della Nasa, che, pur avendo ben presente il problema, stanno pensando seriamente alla futura missione marziana; anche perché lo studio dei fisici del New Hampshire si fonda su nuovi dati che stanno mutando la scena interplanetaria.

Il problema in questo caso è il Sole, il cui comportamento è recentemente cambiato e che attualmente si trova in uno stato non osservato per quasi un secolo. I fisici americani, guidati da Nathan Schwadron, hanno utilizzato i risultati delle osservazioni condotte sulla sonda Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA, a bordo della quale c'è il Cosmic Ray Telescope appositamente dedicato a studiare gli effetti delle radiazioni. I ricercatori fanno notare che per la maggior parte dell'era spaziale l'attività solare ha mostrato una periodicità ciclica di 11 anni, con periodi di sei - otto anni di calma (minimo solare), seguiti da periodi di due - tre anni, quando il Sole è più attivo: «Tuttavia, a partire dal 2006 circa, abbiamo osservato periodi di minimo solare più prolungati e l'attività solare più debole mai registrata nelle moderne osservazioni dello spazio».

Queste condizioni hanno indotto una diminuzione di intensità del vento solare e, di conseguenza, hanno portato gli scienziati a rilevare le più alte intensità dei raggi cosmici galattici segnalati da quando si è imparato a misurarli; il che ha aumentato i rischi di radiazioni che potenzialmente minacciano le future missioni con astronauti, Marte compreso.



  PAG. SUCC. >