BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Scienze

DIBATTITI/ Che cos'è il tempo? Un compagno lungo la storia

Immagine di archivioImmagine di archivio

Non ci può essere nessun serio tentativo di rispondere alla domanda “Che cos’è il tempo?” che trascuri questa suprema dimensione, perché il tempo è sia “naturale” che “umano” e la storia è la sintesi dei due fattori. Gli studiosi probabilmente leggeranno questa affermazione come relativa all’evoluzione delle idee, mentre la tradizione cristiana riconoscerà qui un’eco dell’Incarnazione: come ha scritto Thomas S. Eliot “Un momento nel tempo ma il tempo fu creato attraverso quel momento: poiché senza significato non c’è tempo, e quel momento di tempo diede il significato”.

Forse l’immagine più sintetica e immediata che possiamo dare del tempo, sulle suggestioni di questo ultimoEuresis Journal, vengono dall’esperienza del “tempo musicale”, così come è stato presentato dal compositore Roberto Andreoni. Con le parole di Igor Stravinsky, “la musica celebra l’amicizia tra l’uomo e il tempo”. Sì perché in fondo il tempo è proprio questo: un compagno, che affianca l’uomo in tutto ciò che più lo riguarda: la memoria del passato, l’amicizia col presente e la speranza per il futuro; riempiendo di significato l’intervallo tra la nostra esistenza e la nostra fine, rivelando e rinnovando lentamente il senso di tutte le cose, fino alla pienezza, a quell’ora precisa in cui ciascuno, a conclusione di questa amicizia, riceverà il premio della sua vita.

© Riproduzione Riservata.