BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELETTRONICA/ Gli ingegneri di Leeds (UK) salgono sul podio del torneo di laser Terahertz

Foto Infophoto Foto Infophoto

Da tempo vari gruppi di ricercatori si ingegnano per cercare di per aumentare la potenza di questi chip laser. Un possibile modo è di usare più strati semiconduttori: un numero maggiore di strati significa che l'elettrone cambia molto i suoi stati di energia quando passa attraverso la struttura e quindi il numero di fotoni emessi aumenta. La produzione di strutture multistrato però è estremamente difficile; si tratta quindi di trovare le tecniche più adeguate per realizzarla in modo efficace. La notizia del nuovo record di potenza è riportata in un articolo sulla rivista Electronics Letters, organo dell’Institution of Engineering and Technology (IET), dove Edmund Linfield, professore di “Terahertz Electronics” alla Scuola di Elettronica e Ingegneria Elettrica dell'Università di Leeds, descrive le soluzioni adottate: «Il processo di produzione di questi laser è straordinariamente delicato. Strati di diversi semiconduttori, come l'arseniuro di gallio, sono costruiti un monostrato atomico alla volta; controlliamo lo spessore e la composizione di ogni singolo strato molto accuratamente e costruiamo un materiale semiconduttore avente tipicamente tra i1.000 e i 2.000 strati. Il vantaggio del nostro nuovo laser è dovuto al know-how che abbiamo sviluppato a Leeds nella fabbricazione di questi semiconduttori a strati, unitamente alla nostra capacità di ingegnerizzare poi questi materiali per realizzare dispositivi laser idonei e potenti».

 

Una potenza che ha letteralmente stracciato, in termini sportivi, i record precedenti. Nell’ottobre 2013 il gruppo della TU di Vienna aveva annunciato il raggiungimento di una potenza di uscita di 0,47 watt da un singolo chip laser; era quasi il doppio della potenza di uscita corrispondente al record precedentemente detenuto dal team del MIT. Ora gli scienziati di Leeds hanno ormai raggiunto una produzione di oltre 1 watt su un singolo chip laser. Per chi pensa subito alle potenziali applicazioni, i ricercatori elencano alcuni ambiti comprendenti: monitoraggio di prodotti farmaceutici, telerilevamento delle “impronte” chimiche di esplosivi contenuti in pacchi o lettere, rilevamento non invasivo di tumori nel corpo umano. e altro ancora.

© Riproduzione Riservata.