BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NANOTECNOLOGIE/ I sensori a infrarossi drizzano le antenne (di Germanio)

Pubblicazione:

Un sensore a infrarossi grande come una pillola  Un sensore a infrarossi grande come una pillola

È un team giovane quello che ha dato avvio in questi giorni, con un meeting presso il Politecnico di Milano, al Progetto GEMINI: tre ricercatori e un solo professore: il coordinatore, Paolo Biagioni, è ricercatore al Dipartimento di Fisica del Politecnico di Milano, capofila dell’intero consorzio; con lui lavoreranno Michele Ortolani dell’Università di Roma La Sapienza, Daniele Brida dell’Università di Konstanz (Germania) e il professor Douglas Paul, direttore del James Watt Nanofabrication Centre dell’Università di Glasgow (UK). 

Il termine GEMINI sta per “Germanium mid-infrared plasmonics for sensing” e riguarda un progetto finanziato dalla comunità europea con circa 1,7 milioni di euro per il triennio 2014-2017 nell’ambito dei bandi FET (“Future and Emerging Technologies”) del Settimo Programma Quadro. 

L’obiettivo è esplorare un approccio originale alla sensoristica a infrarossi per la rilevazione di molecole anche in piccolissime concentrazioni, con promettenti applicazioni in diversi ambiti. Ne ha parlato a Ilsussidiario.net Paolo Biagioni.

 

Nell’acronimo GEMINI è citata la plasmonica: di che cosa si tratta?

La plasmonica é una branca delle nanotecnologie che ha visto un enorme sviluppo nell'ultimo decennio e studia l'interazione della luce con nanoparticelle e nanostrutture metalliche. Come le antenne vengono utilizzate nelle telecomunicazioni per raccogliere e trasmettere in maniera molto efficiente le onde elettromagnetiche, così è possibile oggi fabbricare e utilizzare “nanoantenne” per concentrare in regioni molto piccole, fino a pochi nanometri (1 nanometro = 1 milionesimo di millimetro) la luce (anch'essa un'onda elettromagnetica) o per emetterla in maniera altrettanto efficiente.

 

Come è nata l’idea di questo progetto Gemini?

L' idea del progetto GEMINI è di applicare questi stessi concetti alla luce infrarossa, che sta assumendo un valore tecnologico sempre maggiore soprattutto nel campo dei sensori per rivelare inquinanti, specie biologiche, gas pericolosi, veleni ecc. Grazie ad apposite antenne la luce infrarossa può essere concentrata efficacemente sulle molecole da rivelare, aumentando cosi enormemente la sensibilità della misura. Invece di utilizzare metalli per la fabbricazione delle antenne (come viene comunemente fatto sia nelle antenne radiotelevisive sia nelle “nanoantenne” per la luce visibile), GEMINI svilupperà le antenne per l'infrarosso partendo dal germanio, un materiale semiconduttore pienamente compatibile con la moderna industria microelettronica basata sul silicio. I vantaggi di questo approccio risiedono sia nei costi ridotti (potendosi appoggiare in prospettiva a processi industriali già esistenti e ottimizzati), sia nella maggiore semplicità di integrazione di tali antenne con i chip microelettronici dei sensori. 

 

A che punto siete e come si svilupperà la ricerca?



  PAG. SUCC. >