BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NASO ELETTRONICO/ Com’è la qualità dell’aria in città? Ce lo dirà MONICA

Pubblicazione:

ll sensore portatile "Monica"  ll sensore portatile "Monica"

Il sistema messo a punto presso i laboratori del Centro di Ricerche ENEA di Portici, è un vero “naso elettronico” in grado di affiancare le informazioni provenienti dalle centraline di monitoraggio installate in città. Attualmente è in grado di fornire indicazioni sintetiche sulla qualità dell’aria e sugli inquinanti atmosferici presenti nei luoghi in cui si trova il suo utilizzatore. La sua caratteristica essenziale è di permettere al cittadino un approccio più consapevole e partecipativo al problema del monitoraggio della qualità dell’aria in città, nonché dell’esposizione personale, per favorire comportamenti virtuosi per una mobilità più sostenibile. Si comprende quindi l’accoglienza positiva ottenuta alle recenti presentazioni del prototipo.

 

La prima è stata alla comunità scientifica italiana, in occasione del Secondo Convegno Nazionale Sensori svoltosi a fine febbraio presso il Dipartimento di Chimica dell’Università di Roma La Sapienza: un’occasione di rilievo, alla presenza delle società e associazioni coinvolte nell’area della sensoristica impegnate in un lavoro di confronto e collaborazione tra diverse discipline (fisica, chimica, ingegneria, biofisica, medicina, biochimica …). La seconda presentazione è avvenuta a Cambridge, al meeting europeo del progetto comunitario EuNetAir “European Network on New Sensing Technologies for Air-Pollution Control and Environmental Sustainability” (coordinato dall’ENEA) che si occupa di nuove tecnologie per il controllo della qualità dell’aria. MONICA rappresenta il punto di arrivo di una esperienza maturata a Portici su diverse tipologie di “nasi elettronici”, con capacità sempre maggiori di operare in diversi settori, a partire dal primo sistema sviluppato per il monitoraggio dei gas vulcanici fino alle applicazioni alle prime centraline wireless per il monitoraggio della qualità dell’aria fino alle applicazioni all’industria aeronautica.

 

Il prototipo di MONICA è sviluppato come verticalizzazione applicativa integrata nell’ambito del programma SIMONA (SIstema integrato di MONitoraggio Ambientale) ed è quindi parzialmente finanziato dal programma POR-Campania. Prossimamente il sensore verrà sottoposto ad un processo di calibrazione e validazione per aumentarne la precisione nelle misure per una valutazione di tipo anche quantitativo. Volendo immaginare un possibile slogan di lancio del loro naso elettronico, per i ricercatori dell’ENEA è stato abbastanza facile pensarlo così: “Oggi esco con Monica”.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.