BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NANOTECNOLOGIE/ Come filare le nanofibre per i sensori del futuro

Pubblicazione:

Nanotecnologie  Nanotecnologie
<< Prima pagina

Da qui sono nati vari progetti per la creazione di dispositivi sensoristici per il monitoraggio della qualità dell’aria, del suolo e dell’acqua attraverso, tra i quali: la realizzazione di microtrasduttori gravimetrici e conduttometrici “customizzati” su substrati convenzionali e non; la fabbricazione di sensori chimici e biosensori “wearable”, “biodegradable” ecc.; lo sviluppo di tecnologie a basso costo per la fabbricazione controllata di film nanostrutturati per sensori, come appunto l’Electrospinning ma anche il dipping, il  self-assembling, l’electrochemical growth and immobilisation.

È stato naturale quindi affidare al Cnr-IIA l’organizzazione di questo workshop, che sarà un punto di partenza per una serie di successivi incontri dedicati alla condivisione e diffusione di nuove idee per una sensoristica innovativa. In questi giorni verranno presentati i recenti progressi nei sensori nanostrutturati, in particolare quelli basati sulla tecnologia Electrospinning; si parlerà delle diverse applicazioni quali: il monitoraggio sanitario, la sicurezza, l’alimentazione e l’ambiente in genere. Verranno descritti i materiali, i metodi e le tecnologie avanzate per progettare e costruire un gran numero di nanofibre funzionalizzate (core-shell, nanocompositi, miscele di polimeri, cavità, ceramiche, bio-funzionalizzati ecc.), di tessuti, di tessuto-non-tessuto, di nano fibre allineate, 1D e 3D e altre ancora.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.