BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FISICA/ All’Università della Calabria è nata una STAR (dei raggi X)

Pubblicazione:

molecola  molecola

In virtù di questo, per controllare le proprietà dei raggi X generati è sufficiente agire su quelle della luce del laser, cosa molto più facile e conveniente da fare. Un altro aspetto molto interessante di sorgenti basate su questo principio fisico è che i costi, pur non essendo trascurabili, sono comunque enormemente inferiori rispetto ai sincrotroni, circa cento volte. Ovviamente, questo potrebbe aprire la possibilità di molte applicazioni ora impensabili. Pensiamo per esempio alla possibilità di disporre, al costo di uno strumento per la risonanza magnetica, di sorgenti di raggi X presso le strutture ospedaliere. Tornando alla macchina in costruzione in Calabria è bene ricordare che si tratta di un primo prototipo e che nel mondo vi sono pochissimi altri esempi di strumenti di questo genere, tutti comunque a livello di ricerca.

L’Italia in questo settore è più avanti degli altri perché presso i Laboratori Nazionali di Frascati, diproprietà dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è già stata realizzata una macchina di questo tipo, chiamata SPARC. Quella che si sta realizzando in Calabria è una “sorella” della macchina di Frascati, e alla sua costruzione partecipano attivamente gli stessi ricercatori che hanno già realizzato SPARC. Tra le prime applicazioni di questa macchina ci sarà una stazione per acquisire immagini ad alta risoluzione delle parti interne di campioni biologici, e questa parte del lavoro sarà svolta insieme ai ricercatori del Sincrotrone di Trieste che hanno una lunga esperienza in questo campo.

Il progetto della macchina in costruzione a Cosenza è stato finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca utilizzando fondi europei destinati alle regioni del Sud. I titolari del finanziamento sono l’Università della Calabria, che si occupa della realizzazione dell’edificio e delle infrastrutture, e il CNISM (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze Fisiche della Materia), che si occupa della costruzione della sorgente vera e propria.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.