BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LO STUDIO/ L’impatto della Fisica sull’economia italiana.

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

La Società Italiana di Fisica ha commissionato uno studio indipendente e quantitativo dell’impatto della Fisica sull’economia italiana a Deloitte. Il Consulting Deloitte è la più grande realtà di consulenza manageriale privata e indipendente del mondo. In Italia il Consulting Deloitte  gestisce 7 uffici con uno staff di 600 professionisti. Lo studio è molto dettagliato e si riferisce agli anni 2008-2011. L’esatta dizione che definisce i settori presi in considerazione riguarda quelli connessi con attività “physics-based”.

Esempi di applicazione della fisica contemporanea sono presenti ad esempio in: internet, telefonia mobile, metodi e strumenti in Medicina, sistemi globali di identificazione di posizione, mezzi durevoli di consumo, edilizia, trasporti.

L’impatto viene valutato sia in posti di lavoro sia nel valore aggiunto lordo (GVA=Gross Value Added), che è legato al Prodotto Interno Lordo ( PIL) nel modo seguente : PIL= GVA + imposte sui prodotti – contributi ai prodotti. Esso viene diviso nel contributo diretto al GVA e in quello indiretto .

Il contributo diretto riguarda: il manifatturiero, i trasporti e le comunicazioni, i servizi, il “business, attività governative ( soprattutto la Difesa).In totale i settori investigati da questo rapporto sono 78. L’analisi compiuta per sviluppare questo rapporto ha utilizzato le statistiche pubblicate da : ISTAT, Eurostat, il data base riguardante l’analisi strutturale di OECD, oltre ad altre informazioni raccolte da organismi internazionali. Per i contributi diretti, i settori nominati acquistano beni e servizi dai fornitori in questi settori e pagano i salari al loro personale, i quali li spendono nell’economia italiana

L’impatto indiretto si riferisce in generale alle attività che i settori direttamente “physics based” inducono in altre parti dell’economia: ad esempio le telecomunicazioni “wireless” e  la trasmissione dell’elettricità.

Il contributo della Fisica viene fornito un po’ da tutti i settori di essa, quali: Astronomia e Astrofisica, Fisica Nucleare e Subnucleare, Scienza dei Materiali, Nanotecnologie, Ottica e Fotonica, Superconduttività, Biofisica, Elettricità e Magnetismo, Meccanica,  Fisica dei semiconduttori, Termodinamica, Fisica degli stati Aggregati. L’impatto sull’economia italiana riguarda: la Scienza in se stessa (docenti, ricercatori in vari Enti e Industrie), ‘expertise’ utilizzata al di là della Scienza ( attraverso attività che impiegano persone che hanno conoscenze di Fisica), Tecnologie che sono state sviluppate sia dalla Fisica di Base sia da quella Applicata.



  PAG. SUCC. >