BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FISICA/ A Trieste va in scena la "danza quantistica" dell'ossigeno

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

I quartetti dell’ossigeno ad altissime pressioni  I quartetti dell’ossigeno ad altissime pressioni

Tuttavia, ritengo che ci siano alcune motivazioni forti che possono sostenere le nostre ricerche.

A cosa si riferisce?

Penso anzitutto che il tentativo di comprendere come è fatta la natura, debba prescindere dall’urgenza del “a che cosa serve?”. Inoltre, sono convinto che, quando si trova qualcosa di elegante, di bello, è senz’altro importante. Il “bello” nella scienza è un parametro fondamentale: il bello è una fortuna rara e quando ti capita va trattenuto il più possibile. C’è da aggiungere che noi non possiamo sapere cosa ci riserverà il futuro e ci sono un’infinità di ricerche condotte senza avere la minima idea della loro utilità e che poi si sono rivelate fondamentali.

Infine, ci sono delle possibilità che esistano delle fasi di ossigeno a queste alte pressioni: se consideriamo sistemi molecolari complessi, ad esempio ossidi, troviamo che a pressioni elevatissime tendono a decomporsi; in tal caso è possibile che ci sia una segregazione di ossigeno da qualche parte e che possa essere descritta nel modo che abbiamo previsto. È un fatto per ora solo speculativo ma non è impossibile. Ribadisco però che non è questo il motivo per cui ci impegnamo nelle nostre ricerche.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.