BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NANOMEDICINA/ Un nuovo agente di contrasto super-fluorurato migliorerà la Risonanza Magnetica

Pubblicazione:

Struttura ai Raggi X di PERFECTA  Struttura ai Raggi X di PERFECTA
<< Prima pagina

Qualcuno ci ha proposto di studiare il consumo di ossigeno all’interno di un tessuto tumorale perché questo agente di contrasto permette di avere un segnale molto sensibile alla presenza di ossigeno e il tessuto tumorale è particolarmente carico di ossigeno.

Ma sono solo alcune delle numerose possibilità. Il punto di partenza è che ora abbiamo trovato il nuovo tool: adesso noi stessi e altri ricercatori in tutto il mondo siamo impegnati ad applicarlo in differenti campi.

 

E per quanto riguarda le problematiche ambientali e di sicurezza?

Va detto anzitutto che i composti fluorurati tipicamente non sono tossici; e anche la nostra molecola ha dimostrato tossicità praticamente nulla: il 90% delle cellule nelle quali l’abbiamo iniettata sopravvive dopo cinque giorni. È sicuramente una tossicità nettamente più bassa rispetto agli altri marcatori che presentano tossicità verso il 40% delle cellule. L’unica caratteristica negativa dei composti a base di fluoro è che si bioaccumulano, cioè né il nostro organismo né l’ambiente circostante riescono a degradarli e il rilascio nell’ambiente di sostanze persistenti non certo un fatto positivo. In realtà però la nostra molecola è anche biodegradabile: a un certo punto l’organismo riesce a metabolizzarla. Stiamo ancora studiando in dettaglio i suoi processi metabolici ma possiamo già affermare che si tratta di una sostanza non persistente.  



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.