BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VERSO IL MEETING/ Scienziati: né riduzionisti né tuttologi ma amanti del vero

Pubblicazione:

(Infophoto)  (Infophoto)

Non è facile tenere sotto controllo questa distinzione di livelli; e in effetti, quello in cui soprattutto il grande pubblico si imbatte è spesso uno scivolamento inconsapevole tra i diversi approcci; per cui quasi non sorprende che vengano diffuse come scientifiche delle trattazioni che parlano disinvoltamente della “mente di Dio”, di teoria del tutto, di Dio e il Big bang e così via. Il punto non è impedire agli scienziati di avere una loro, inevitabile, visione filosofica e di avere le loro risposte alle domande circa la totalità: si tratta di non nasconderlo e di evitare che sia la loro autorevolezza scientifica a sostenere le loro opzioni di ambito filosofico. La tendenza della cosmologia fisica a proporsi come una “scienza dell’intero” ha anche un suo risvolto positivo: quello di offrire allo scienziato una percezione molto viva del problema dei fondamenti. Anche se va tenuto fermo il fatto che questa percezione può esprimersi solo attraverso le domande sopra richiamate, può avvenire solo come “domanda”. Una domanda che può avere due esiti: o resta “aperta”, oppure si affretta a cercare una “chiusura”. Nel primo caso accade quella affascinante esperienza della disponibilità a ricevere il fondamento come “dato”, come ultimamente ricevuto. Nel secondo caso il soggetto impone la propria risposta, come un a-priori. Detto in altri termini, è l’alternativa tra una posizione realistica e una idealistica, che facilmente diventa ideologica.  Un’osservazione conclusiva di Tanzella ci rilancia verso quello che potremo verificare a Rimini. Se il metodo della scienza (non solo in cosmologia) – dice il teologo – si imbatte nel “problema” dei fondamenti,"lo scienziato può essere protagonista di una vera e propria 'esperienza' dei fondamenti. Si tratta di un’esperienza di carattere filosofico, di un incontro personale con il mistero dell’essere". Al Meeting lo sentiremo raccontare direttamente da un paleoantropologo, da un matematico e da un astrofisico.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.