BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NUOVI MATERIALI/ Superleggeri, resistenti e flessibili: ecco i nuovi plastomeri

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Polimeri al carbonio  Polimeri al carbonio
<< Prima pagina

Il risultato è destinato ad aprire nuovi orizzonti nelle applicazioni industriali dei polimeri: il mercato infatti richiede materiali con prestazioni sempre più elevate (resistenza alla trazione, all’urto, alla flessione e alle basse temperature) ma declinabili a seconda delle proprietà meccaniche richieste; e senza perdere di vista i fattori economici e produttivi.

«Per noi era una sfida: riuscire ad ottenere le caratteristiche volute senza ricorrere ad altre tipologie di materiali ma partendo da questo che ha già un largo impiego grazie alla sua leggerezza; viene utilizzato tra l’altro dove ci sono temperature molto basse, o in ambienti acquosi perché non assorbe umidità. Siamo riusciti quindi a potenziare alcune proprietà senza sminuire le altre».

Azzolin ci parla delle prime situazioni applicative nelle quali lo stanno implementando: «Ci stiamo indirizzando al settore delle calzature e abbiamo fatto qualche prova nella realizzazione di prodotti come le pinne e le attrezzature per sub. Ma le prospettive sono ampie».

Resta da aggiungere una considerazione interessante circa il metodo col quale si svolge il processo di sviluppo di un materiale innovativo. «Le attività di ricerca e sviluppo sono svolte sotto la guida dei nostri ricercatori e ingegneri all’interno dei nostri laboratori avvalendosi, a seconda delle tematiche in fase di sviluppo, del supporto mirato da parte di strutture di ricerca specializzate. Abbiamo in atto collaborazioni con multinazionali, Università e centri di ricerca per un continuo trasferimento di conoscenze. Per ogni nuovo prodotto, tutte le fasi che partono dall’idea iniziale sino a giungere ai risultati finali, sono caratterizzate da un continuo interscambio di conoscenza tra i nostri ricercatori e quelli dei nostri partner».

In ogni caso, l’azienda è dotata di apparecchiature e sistemi all’altezza delle nuove tecnologie, per poter svolgere al suo interno, salvo casi particolari, tutte le sperimentazioni e i test necessari per arrivare alla qualifica e alla ottimizzazione dei prodotti: «Ciò poi si inserisce in un sistema integrato di prove e collaudi che prevede la più ampia partecipazione di specifici istituti di ricerca, nonché delle capacità di validazione degli utenti finali».

Massimo Azzolin



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.