BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INNOVAZIONE/ L’idea geniale che trasforma i fluidi contaminati in “acqua meravigliosa”

Pubblicazione:

Immagine di archivio  Immagine di archivio

L’innovazione si basa sulla tecnologia dell’evaporazione, alla quale porta miglioramenti sostanziali, introdotti per la prima volta al mondo, controllando l’effetto di trascinamento tipico dell’evaporazione stessa, senza usare nessun filtro o tool aggiuntivo oltre la superficie libera dell’acqua. In sintesi viene utilizzato un boiler controllandone l’effetto di trascinamento dell’evaporazione senza altre apparecchiature quali colonne di distillazione, bubble cup, demister, distillazione frazionata e così via.

 

È paragonabile con altri metodi?

La prestazione così ottenuta è largamente superiore rispetto a un normale evaporatore che ha un effetto di abbattimento dei contaminanti pari a 1:100. Il nostro evaporatore ha raggiunto, con acqua contaminata da un radioisotopo,  una prestazione di abbattimento pari a 1:300.000

 

E per quanto riguarda il consumo di energia?

Il consumo di energia è identico a qualsiasi altro evaporatore e, come ogni altro evaporatore, l’impianto può raggiungere livelli di efficienza maggiori nei consumi man mano che aumenta di dimensioni e che vengano utilizzati sistemi di recupero del calore.

 

Avete ottenuto dei brevetti?

Il sistema è brevettato a livello internazionale e ha ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo (dall’Europa all’Asia, all’Africa e alla Cina). Si possono trovare tutti i riferimenti in proposito nel nostro sito web www.wowwater.eu.

 

Quali sono gli impieghi principali?

Può essere impiegato in tutti i contesti in cui un evaporatore è utilizzato per processi di decontaminazione, con il vantaggio che, avendo fattori di decontaminazione ordini di grandezza superiori ad altri sistemi, i risultati di abbattimento richiesti possono essere raggiunti con impianti più piccoli e con un solo passaggio di evaporazione, anziché molteplici.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.