BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

THE IMITATION GAME/ La sfida del matematico che voleva solo “risolvere un problema”

Pubblicazione:

Benedict Cumberbatch in una scena del film  Benedict Cumberbatch in una scena del film

Quando ho visto che usciva nei cinema un film dedicato a un matematico come  Alan Turing e interpretato dall'attore che avevo tanto apprezzato nella serie “Sherlock” della BBC, Benedict Cumberbatch, ho capito che dovevo andare a vederlo quanto prima. Questo per spiegare che chi scrive non è un critico professionista, ma un fisico che ammira i grandi personaggi della scienza e le serie televisive belle.

Dico subito che “The imitation game” non ha minimamente deluso le mie attese, perché è un film molto bello che merita di essere visto. Il film racconta la vita di Alan Turing concentrandosi in particolare sul periodo durante la seconda guerra mondiale in cui lavorò per decrittare il codice segreto della macchina tedesca Enigma. Nonostante il tema apparentemente poco emozionante e il fatto che della storia si conosca, almeno a grandi linee, sviluppo e conclusione, i 113 minuti scorrono rapidissimi. Mi limiterò qui ad evidenziare alcune delle cose che mi hanno colpito, raccontando tra l'altro solo avvenimenti che sono all'inizio del film, perché è vero che la storia è nota, ma raccontare la fine è sempre disdicevole.

Assai interessante è la ragione che spinge Turing a imbarcarsi in questa sfida intellettuale, lasciando in quel periodo i suoi studi accademici (per cui è giustamente e unanimemente famoso). La sua risposta a perché affronti questa sfida è perché “a me piace risolvere problemi”. Non vincere la guerra, non una soddisfazione professionale, ma risolvere un problema. Chiunque si imbarca in una ricerca scientifica sa che spesso questo è il primo motore della propria intrapresa. E non si pensi che sia motivo da poco o trascurabile.

La curiosità di capire un certo fatto scientifico è una spinta che non si ferma, quando magari altre (ad esempio i soldi o il successo) hanno terminato la loro azione propulsiva. E questa curiosità pervade tutta la realtà: in questo modo gli scienziati non affrontano solo i temi di moda al momento, ma qualunque cosa stimoli la loro curiosità. Così fanno quelle scoperte inaspettate che permettono gli avanzamenti più interessanti. In questo modo ad esempio, quando Einstein elaborò la teoria della relatività, trovò gran parte della matematica necessaria già elaborata. 

Un'altra cosa che colpisce è l'incrollabile fiducia di Turing nel fatto che la sua ricerca sia giusta. Non si pensi a un atteggiamento superbo: questo è un altro tratto distintivo di uno scienziato che, quando ha elaborato un'ipotesi, è pronto a difenderla di fronte a tutto e tutti ed è pronto a fare tutta una serie di esperimenti di conferma perché è certo che la realtà gli darà ragione. Unica condizione è saper cambiare idea quando la realtà ti smentisce: ma quell'incrollabile fiducia nella tua ipotesi ti avrà comunque fatto fare dei passi avanti.



  PAG. SUCC. >