BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TECNOLOGIE/ Saranno un po’ superficiali, ma le lavorazioni laser fanno meraviglie

Pubblicazione:

Laser di potenza del laboratorio IFN Cnr di Bari  Laser di potenza del laboratorio IFN Cnr di Bari

Un laboratorio di tribologia, cioè di scienza e ingegneria delle superfici, e i laboratori i laser a impulsi corti e ultracorti installati presso il Politecnico e l’Università di Bari, consentiranno a un giovane ricercatore europeo di inserirsi nel progetto Laser4Fun appena partito e volto a sviluppare materiali con proprietà superficiali speciali.

«I laboratori – come spiega a Ilsussidiario.net Antonio Ancona dell’Istituto di Fotonica e Nanotecnologie (IFN) del Cnr - sono stati finanziati dalla Regione Puglia che ha fatto un grosso investimento decidendo di destinare fondi non per la ricerca su un dato argomento ma per potenziare le infrastrutture di ricerca degli enti e delle università con sedi in regione e che spesso non riescono a sviluppare certe ricerche che richiedono strumentazione avanzata e troppo costosa».

L’iniziativa regionale aveva posto come condizione ai destinatari delle risorse quella di cooperare tra loro creando delle reti di laboratori:  sono nate così le reti ''Trasforma'' e ''Microtronic'' disponibili presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bari e il Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management del Politecnico di Bari. Presso l’IFN si potranno utilizzare, in particolare, laser con diverse sorgenti a impulsi di durata estremamente breve, pari a millesimi di miliardesimo di secondo (picosecondi) e a milionesimi di miliardesimo di secondo (femtosecondi), a diverse lunghezze d’onda (dall’infrarosso, al verde, all’ultravioletto) capaci di rompere i legami chimici minimizzando il ''danno'' termico alla superficie trattata e di rimuovere il materiale ''a freddo'', consentendo di asportare gli atomi con precisione nanometrica.

È anche grazie a queste strutture che l’IFN e il TriboLAB, diretto dal professor Giuseppe Carbone, hanno guadagnato in competitività e hanno potuto partecipare al progetto europeo Laser4Fun, lanciato per promuovere l’uso delle tecnologie laser nella lavorazione delle superfici dei materiali: un campo promettente per diverse applicazioni in ambito industriale in diversi settori produttivi. Con un finanziamento europeo Marie Curie ''European Training Network'' pari a 3,5 milioni di euro, il progetto prevede il coinvolgimento di 14 giovani ricercatori - uno dei quali lavorerà appunto a Bari - in un programma di formazione e ricerca che approderà a un dottorato; per ''giovane ricercatore'', in questo programma, si intende chi si è laureato non più di cinque anni fa, in un’università diversa da quella segnalata e non sia stato residenti nella nazione ospitante per più di 12 mesi negli ultimi tre anni.

Il professor Ancona – che tra l’altro è in procinto di recarsi a Trollhättan dove inizierà a lavorare part time presso la University West svedese – ci spiega la struttura del programma che prevede sei mesi dedicati alla selezione dei candidati e successivi 36 mesi di ricerca. «Ma non sarà solo ricerca strettamente scientifica sul tema prescelto. Seguiranno anche corsi di miglioramento delle loro varie skills: comunicazione, management della ricerca, trasferimento tecnologico, avvio di spin-off…  Insomma, noi tutor ci preoccuperemo di sviluppare insieme al giovane un career plan per prepararlo come ricercatore industriale e offrirgli così ulteriori opportunità per il futuro».



  PAG. SUCC. >