BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VERSO LA COP21/ Temperatura, calotte polari e livello dei mari: una relazione complessa

Pubblicazione:

(InfoPhoto)  (InfoPhoto)

Siamo nella fase di warm up, di riscaldamento dei motori, termine particolarmente appropriato per l’evento mondiale che si svolgerà a Parigi dal 30 novembre al 12 dicembre 2015: parliamo della COP 21, la XXI sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione sul clima. Il tema è cosa fare di fronte al riscaldamento globale e, prima ancora, capire bene di cosa si tratta evitando semplificazioni, sottovalutazioni, allarmismi.

In effetti sembra che l’unico modo di attirare l’attenzione su un argomento così decisivo sia quello del fare spazio alle posizioni catastrofiste, o meglio, di presentare in modo catastrofista qualunque tipo di analisi o resoconto scientifico. Così da qualche giorno i media iniziano ad essere “inondati” da allarmi che prospettano “l’inondazione” prossima ventura di grandi metropoli, da Londra a New York, da Rio a Napoli, causata dall’innalzamento del livello degli oceani conseguente allo scioglimento delle calotte polari a sua volta prodotto dal global warming.

Basterebbe, per generare tale tremendo sconvolgimento della faccia del Pianeta, superare quell’aumento di 2 gradi della temperatura media della Terra che alcuni stimano possibile entro il 2100 se non verranno prese misure antagoniste più che drastiche. Secondo un istituto che dovrebbe essere autorevole, come il Met Office (l’Ufficio meteorologico britannico) già ora la temperatura globale del Pianeta sarebbe aumentata di un entità compresa tra 0,91 e 1,13 gradi centigradi rispetto ai valori che aveva all’inizio dell’era industriale. Peccato che non sia così evidente quale fosse la temperatura della Terra a metà Settecento e chi poteva averla misurata con la precisione necessaria per stimare oggi quell’aumento.

Sul versante dei fattori scatenanti del global warming, il principale imputato (dai media) restano i gas serra, con la CO2 che secondo l’Omm (Organizzazione Meteorologica Mondiale) nel 2014 avrebbe raggiunto livelli di concentrazione di 397,7 parti per milione (ppm) e secondo altri istituto nel 2015 avrebbe superato le 400 ppm.

Ancor più decisamente catastrofista il risultato di un recente studio della Climate Central – un’organizzazione non profit americana nata nel 2008 con sede a Princeton – secondo le cui proiezioni a fine secolo la temperatura globale aumenterebbe di 4 °C per colpa delle emissioni di gas serra e ciò causerebbe disastri climatici enormi con aumenti del livello delle acque tali da provocare la scomparsa di molte terre emerse in tutto il mondo.

Accanto a questi scenari più o meno attendibili, ci sono però anche studi che cercano nella storia geologica passata del nostro Pianeta indicazioni più realistiche prima di lanciarsi in profezie e in simulazioni futuristiche. Come lo studio, i cui risultati sono stati appena pubblicati su Nature Communications, delle relazioni tra le modifiche della calotta polare antartica e il prosciugamento del Mediterraneo verificatosi 5-6 milioni di anni fa; lo studio è stato condotto dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) insieme a un team internazionale.



  PAG. SUCC. >