BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AERONAUTICA/ Il volo nei cieli della Brianza dei “Montgolfier” italiani

Pubblicazione:

L'ascensione di Paolo Andreani del marzo 1784 in un dipinto di Francesco Battaglioli  L'ascensione di Paolo Andreani del marzo 1784 in un dipinto di Francesco Battaglioli

Un po' per ricordare la traversata delle Alpi di questo temerario milanese e un po' per rievocare i fasti aerostatici dell'Expo del 1906, nei giorni dal 7 al 15 novembre (veramente pochi per consentirne la fruibilità al pubblico) si è tenuta a Milano, presso il belvedere del 39° piano del Palazzo Lombardia, una piccola mostra di cimeli e rari documenti sui primordi del volo in pallone in Lombardia. Il materiale in esposizione, comprendente delle vere rarità in questo campo, proveniva da collezioni private e da vari musei nazionali che conservano cimeli aeronautici (Volandia, Vigna di Valle, Trento, Vittoriale).

La mostra è stata una significativa occasione per rendersi conto che la Lombardia, fin dalla fine del Settecento, è stata un vivaio di pionieri del volo con i “più leggeri dell'aria”; è a costoro che dobbiamo l'inizio di una tradizione tecnico-sportiva che ha posto le basi per lo sviluppo di quelle importanti attività industriali aeronautiche, che caratterizzarono la regione nella prima metà del Novecento, e che tuttora si esprimono nella presenza di un cospicuo distretto aeronautico.

Ricordiamo solamente due episodi dei primordi: i palloni ad aria calda del marchese Paolo Andreani, che lo portarono in volo sulla Brianza agli inizi del 1784, a pochi mesi dalle imprese dei Montgolfier in Francia; e, ancor prima dei famosi fratelli francesi, i due aerostati che il conte Marsilio Landriani, professore di fisica sperimentale al Ginnasio di Brera, spedì in aria dal parco della Villa Reale di Monza per uno dei primi esperimenti di misurazione della “salubrità dell’aria”, antesignani dell’utilizzo dei “palloni sonda” per la raccolta di dati meteorologici.

Giusto questo accenno al Parco di Monza ci dà lo spunto per concludere, informando i lettori che nel week-end del 24-26 aprile 2016 la mostra di cui si è detto verrà ripresentata, in forma ampliata, presso la Villa Mirabello, all'interno del Parco stesso. Sarà peraltro un'occasione non solo per gli appassionati di storia, di documenti e cimeli antichi, ma anche per chi abbia almeno una volta sognato di prender posto nella cesta di vimini di un aerostato. Sarà infatti allestito nei prati attorno alla Villa un campo provvisorio di volo, dove sarà possibile provare l'ebbrezza di una ascensione sia in mongolfiera che in pallone a gas. Cominciate dunque a segnarvi queste date in agenda.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.