BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CERN/ Collisioni a energia record per entrare (forse) nella nuova fisica

Pubblicazione:

L’esperimento ATLAS  L’esperimento ATLAS

La semplice cerimonia del passaggio di consegne alla direzione generale del Cern è avvenuta una settimana fa durante la 178esima sessione del Council del centro di ricerche di Ginevra: il precedente direttore Rolf Heuer lascia il posto a Fabiola Gianotti che dal 1 gennaio sarà al comando della grande impresa che vede migliaia di scienziati (tra i quali circa 1500 italiani) collaborare da tutto il mondo per scoprire i segreti della materia.

I prossimi due mesi saranno di rielaborazione dati e organizzazione in vista della ripartenza a marzo del superacceleratore LHC (Large Hadron Collider), che ora è stato fermato per la tradizionale pausa invernale. Ma quanto è successo nel 2015 fa già prevedere un anno effervescente, che potrebbe spostare in avanti la frontiera della nostra conoscenza della struttura fondamentale della materia dopo i successi del 2012 che hanno visto la cattura del bosone di Higgs.

La primavera scorsa c’è stata la riaccensione di LHC che ha iniziato a funzionare all'energia record di 13.000 miliardi di elettronvolt (13 TeV) svolgendo i cicli cosiddetti di Run2 che permettono di raccogliere dati generati dalle collisioni di protoni a un'energia nel centro di massa quasi raddoppiata rispetto alla presa dati precedente, il Run1, che aveva portato al risultato prima ricordato e premiato nel 2013 col Nobel per la fisica allo stesso Peter Higgs e a François Englert. 

A fine novembre poi, ultimata la fase di collisone protone-protone, all'interno del tunnel di 27 km di circonferenza a 100 m di profondità al confine tra Francia e Svizzera, sono iniziate le collisioni tra ioni piombo a 5 TeV per nucleone, un'energia quasi il doppio di quella usata da LHC durante la prima fase di attività dell'acceleratore.

Dai primi dati del Run2 sono già arrivati risultati nel segno sia della tradizione che della novità. Alcune misure riguardano infatti processi previsti a quelle energie dal cosiddetto Modello Standard, cioè il quadro concettuale nel quale vengono descritti i componenti fondamentali della materia e spiegate le loro interazioni. Ci sono però anche misure che indicano segnali di nuova fisica, oltre il Modello Standard: come è stato riferito nel corso di un seminario la scorsa settimana, è stata evidenziata una fluttuazione sia dall’esperimento ATLAS che da CMS, che mostra un eccesso anomalo: «si tratta di un eccesso in eventi con produzione di due fotoni, per masse invarianti della coppia di fotoni attorno ai 760 GeV. Si tratta dello stesso stato finale che ha fornito le prime indicazioni della presenza del bosone di Higgs che però era a 125 GeV: coppie di fotoni vengono normalmente prodotte in interazioni protone-protone e la loro distribuzione è ben nota e decresce esponenzialmente all’aumentare della massa invariante fotone-fotone. La presenza di nuove particelle che decadono in coppie di fotoni si manifesta come picchi su una distribuzione continua».



  PAG. SUCC. >