BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ Nelle città “smart” la gestione dei rifiuti viene dal cielo

Pubblicazione:

Monitoraggio con SIGLOD  Monitoraggio con SIGLOD

Come ha spiegato Massimo Chiappini, Direttore della sezione Roma2 dell’INGV e coordinatore del progetto «Il progetto parte dalla consapevolezza che molti reflui restano attivi per qualche decennio producendo biogas, impiegato come risorsa energetica; vengono altresì prodotti numerosi liquami (percolato) altamente contaminanti per il terreno. Il mancato rispetto della normativa vigente unito alla particolare situazione geologica e idrogeologica degli acquiferi, fa sì che si possa verificare l’infiltrazione in falda di inquinanti» SIGLOD consiste quindi in una infrastruttura tecnologica integrata che potrebbe essere utile nell’individuazione delle aree da destinare a discariche, nella pianificazione degli interventi di bonifica, nell’identificazione di discariche abusive anche di piccole dimensioni e nella simulazione di rischi ambientali utili a salvaguardare la salute dei cittadini nel caso di contaminazione dei terreni.

Due sono i filoni sui quali si articolano le attività di sperimentazione del progetto: attività di caratterizzazione del territorio con tecniche, metodologie scientifiche e strumentazioni d’avanguardia; attività convergenti nella sperimentazione del sistema di erogazione dei servizi all'utente finale attraverso un Multi Criterial Expert Spatial Decision Support System (MC-ESDSS). I dati acquisiti saranno quindi integrati e utilizzati per simulare scenari ambientali utili a migliorare la gestione delle discariche, fornendo un valido sistema di supporto alle decisioni.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.