BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPAZIO/ Ecco all’orizzonte il rossastro Plutone, principe dei nanopianeti

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Plutone  Plutone

Quali sono gli obiettivi di questo flyby? Sono obiettivi scientifici, volti a conoscere meglio questi sobborghi del Sistema solare. Plutone è sì un “nano” ma non è così insignificante: ha il suo bel entourage di satelliti, cinque – almeno per quanto si sa finora, dai nomi ovviamente mitologici: Caronte, Notte, Idra, Cerbero e Stige – e il tutto forma un sottosistema planetario interessante. Si ipotizzava che potesse avere anche degli anelli ma le ultime osservazioni sembrano escluderlo. L’obiettivo principale è di ottenere una mappa precisa della superficie di Plutone, a una scala di 48 chilometri, e di avere un’idea più chiara del maggiore dei satelliti, Caronte. Nel momento del massimo avvicinamento, New Horizon sarà a 12500 chilometri da Plutone e a circa 28800 chilometri da Caronte.

E dopo? Dopo c’è l’ultima periferia del Sistema Solare, la fascia di asteroidi detta di Kuiper (costituita dai KBO, Kuiper Belt Object), una autentica sala parto di alcune comete: quelle di periodo corto o intermedio (mentre le maggiori nascono nella cosiddetta nube di Oort). Tra gli ulteriori obbiettivi della sonda ci potrebbe essere proprio uno dei KBO: ma la Nasa non si è ancora pronunciata e sta selezionando i candidati. Dipende anche da come andrà con Plutone e Caronte; in ogni caso, al KBO designato verrà riservato lo stesso trattamento dei due corpi maggiori: verrà mappato, verrà studiata la sua composizione tramite la spettroscopia infrarossa e la mappatura in quattro colori e verrà analizzata l’eventuale atmosfera e le possibili piccole lune.

Ma il viaggio potrebbe non essere ancora finito. Dopo la fascia di Kuiper c’è l’uscita dal Sistema Solare: un passaggio storico, già compiuto dal Voyager e che New Horizon dovrebbe imitare. Le possibilità tecniche ci sono e il fascino dell’esplorazione extrasolare diretta è troppo grande per non giocare, seppur con un ragionevole realismo, tutte le chance.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.