BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCLEROSI MULTIPLA/ La carenza di vitamina D raddoppia il rischio di contrarla

La sclerosi multipla e la carenza di vitamina D sono collegate. Uno studio conferma che livelli bassi di vitamina aumentano il rischio di avere questa malattia autoimmune degenerativa 

foto Infophoto foto Infophoto

Uno studio genetico ha confermato il legame tra il basso livello di vitamina D e il rischio di avere la sclerosi multipla, una malattia autoimmune degenerativa che aggredisce i nervi del cervello e della corda spinale e per la quale ancora non esistono nè cure nè se ne conoscono le cause. La ricerca sui legami tra vitamina D e malattia era stata già effettuata in passato. La vitamina D è quella assicurata all’organismo dalla luce del sole e da alcuni alimenti, come olio di fegato di merluzzo, salmone, latte e suoi derivati e uova. Quest’ultimo studio, che porta la firma del team di Brent Richards della canadese Mcgill University, è stato pubblicato su “Plos Medicine”, ed è stato realizzato su un campione di 14.498 persone per 24.091 controlli, dal quale è emerso che le persone con livelli bassi di vitamina D presentano un rischio doppio di contrarre la sclerosi multipla. Una malattia questa che colpisce 2,3 milioni di persone nel mondo. Adesso i ricercatori stanno effettuando ulteriori test per capire se si possa prevenire la nascita della malattia agendo proprio sui livelli di vitamina D. "I risultati mostrano che se un bambino è nato con geni associati con una carenza di vitamina D ha il doppio del rischio di sviluppare da adulto la sclerosi multipla - chiarisce Benjamin Jacobs del servizio infantile del Royal National Orthopedic Hospital di Londra - . Questo potrebbe essere perché la carenza di vitamina D causa la sclerosi multipla oppure perché ci sono altre complesse interazioni genetiche". (Serena Marotta) 

© Riproduzione Riservata.