BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EFFICIENZA ENERGETICA/ Scende in Campus (al Politecnico) la trigenerazione

Pubblicazione:

L’edificio dimostratore del Politecnico di Milano; nel riquadro il trigeneratore  L’edificio dimostratore del Politecnico di Milano; nel riquadro il trigeneratore

In alcune condizioni particolari, la produzione elettrica sarà asservita a comandi provenienti dal gestore della rete elettrica di distribuzione (A2A Reti Elettriche): e qui entra in gioco il progetto SCUOLA, coordinato scientificamente dal professor Maurizio Delfanti, che ha previsto, oltre a interventi di miglioramento della gestione della rete elettrica, la modifica e riqualificazione dei sistemi di condizionamento ambientale delle aule didattiche di un intero edificio scelto come dimostratore presso il Politecnico.

Si sono installate nuove pompe di calore reversibili, che scambiano calore sia con l’acqua di falda, sia con l’aria ambiente, per cui l’edificio non consumerà alcun combustibile. Uno degli interventi più interessanti prevede che ogni aula sia dotata di particolari sensori in grado di calcolare la CO2 prodotta dagli studenti presenti in quel momento, nonché di ricevere il loro feed-back diretto, immettendo così aria condizionata in funzione del loro reale fabbisogno, evitando sprechi e situazioni poco confortevoli per gli utenti.

Il progetto di ricerca SCUOLA - finanziato da Regione Lombardia e sviluppato in collaborazione con A2A – ha come obiettivo la sperimentazione di un sistema in grado di integrare in modo intelligente e coordinato vari aspetti legati al tema delle Smart Grid: generazione innovativa da fonti rinnovabili e non, efficienza energetica degli involucri e degli impianti degli edifici, integrazione di tecnologie di comunicazione avanzate per fornire servizi al cittadino nella direzione della maggiore vivibilità e partecipazione alla città. Il sistema sviluppato all’interno del progetto, potrà diventare il motore per lo sviluppo di una vasta struttura produttiva in cui una molteplicità di attori possano implementare servizi “smart real time” per la gestione ottimale delle reti urbane, degli edifici e dei servizi al cittadino, con dei costi contenuti grazie all’infrastruttura digitale e sensoristica.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.