BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ L'isola che c'è ma non si vede...

Pubblicazione:

Il laboratorio didattico al Festival della Scienza di Genova (credit: Sergio Maggio – ISMAR)  Il laboratorio didattico al Festival della Scienza di Genova (credit: Sergio Maggio – ISMAR)

“E ti prendono in giro

se continui a cercarla

ma non darti per vinto perché

chi ci ha già rinunciato

e ti ride alle spalle

forse è ancora più pazzo di te…” 

La plastica è preponderante nella nostra vita. La sua produzione a livello globale supera i 300 milioni di tonnellate all'anno che è all'incirca il peso di 54 milioni e mezzo di elefanti africani!! In breve tempo la plastica diventa rifiuto e, purtroppo, circa 8.000.000 di tonnellate finiscono inevitabilmente nel grande serbatoio del pianeta: il Mare. I rifiuti plastici in mare si degradano diventando sempre più piccoli; quando sono al di sotto dei 5 mm vengono definiti “microplastiche” e rappresentano una seria minaccia per l'ecosistema marino. Possono avere effetti diretti sugli organismi, in caso di ingestione, oppure secondari, come quelli legati alle sostanze chimiche che possono essere adsorbite e concentrate dalla loro superficie. Le “isole di microplastiche” sono quindi una delle nuove e preoccupanti forme “invisibili” di inquinamento marino della quale non si conosce ancora il reale impatto ambientale.

Per questo motivo alcuni Ricercatori dell’Istituto di Scienze Marine (ISMAR) del Cnr, oltre a studiarne la distribuzione ed il potenziale di impatto ambientale, dedicano anche molte energie per aumentare la consapevolezza del problema dell’inquinamento da microplastiche organizzando diversi eventi di comunicazione e divulgazione. Così nasce il Laboratorio didattico “Mi inSegni dove finiscono le plastiche?” recentemente realizzato per l’ultima edizione del Festival della Scienza di Genova grazie alla stretta collaborazione di ISMAR con l’acquario di Genova, ARPA Liguria, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, Università Politecnica delle Marche, AMIU e le Aree Marine Protette di Portofino e Bergeggi. Il laboratorio è un viaggio interattivo per capire quello che spesso guardiamo ma non “vediamo”: le microplastiche. Con strumenti e la guida dei ricercatori, i partecipanti hanno condiviso il complesso viaggio della plastica nel nostro pianeta scoprendo l'inconsapevole ruolo che ognuno di noi ha nel processo che sta trasformando il nostro mare …in un mare di microplastica.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >