BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ L'isola che c'è ma non si vede...

Pubblicazione:

Il laboratorio didattico al Festival della Scienza di Genova (credit: Sergio Maggio – ISMAR)  Il laboratorio didattico al Festival della Scienza di Genova (credit: Sergio Maggio – ISMAR)

Inoltre, attraverso esperienze pratiche per comprendere come si effettuano i monitoraggi e come si quantifica la contaminazione; con l'aiuto di microscopi, lo sguardo è stato rivolto al "micro" mondo per individuare i segni che le microplastiche lasciano sugli organismi marini e per comprendere come queste possano rappresentare una reale minaccia anche per l'uomo. Il laboratorio ospitato dall’Acquario di Genova, ha fornito l'occasione per riflettere su una problematica con la quale conviviamo quotidianamente ma alla quale, troppo spesso, non prestiamo la giusta attenzione. La realizzazione di una installazione artistica collettiva di forte impatto visivo, ha posto l’attenzione sull’utilizzo responsabile della plastica che non deve essere demonizzata ingiustamente. Non è la plastica il reale problema ma è solo l’uso che ne abbiamo fatto e le scelte che faremo per poterla utilizzare in modo sostenibile.

Sono ancora pochi gli studi in grado di certificare gli effetti dannosi delle microplastiche. Non è del tutto corretto affermare che la plastica sta distruggendo ogni forma di vita marina. È corretto invece evidenziare che la “micro-plastisfera”, questo sesto continente artificiale estremamente esteso ed invisibile (l’isola che non c’è), sta alterando l'equilibrio degli ecosistemi con un forte impatto sulla biodiversità marina. L’evoluzione del fenomeno deve essere ancora studiata nel dettaglio valutandone con criteri scientifici le reali e specifiche potenzialità di rischio ambientale senza alimentare inutili scenari eco-catastrofici che forniscono un immagine alterata della situazione dei nostri mari.

“E non è un'invenzione

e neanche un gioco di parole

se ci credi ti basta perché

poi la strada la trovi da te……

…..porta all'isola di plastica”… che forse c'è”.

 

(Le citazioni sono tratte dal testo della canzone di Edoardo Bennato L’isola che non c’è - Sono solo canzonette, 1980)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.