BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Scienze

TOTO-NOBEL/ Premio alle onde gravitazionali, ma chi riceverà la telefonata da Stoccolma?

Foto dal webFoto dal web

Questa volta la storia non dovrebbe ripetersi. La cattura delle onde gravitazionali, avvenuta nel settembre 2015 e annunciata nel febbraio scorso ad opera della collaborazione scientifica internazionale LIGO (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory) è una conferma spettacolare della bontà della Relatività Generale, secondo la quale un brusco movimento di masse perturba lo spazio-tempo generando un'onda che il raffinato sistema di interferometri può captare. Nel caso in oggetto più che di brusco movimento si e trattato di un cataclisma cosmico come lo scontro di due buchi neri supermassicci; e le onde spaziotemporali così prodotte hanno trovato le antenne di LIGO, una nello stato di Washington, l'altra in Louisiana, pronte a rivelare il segnale e a fornire ai fisici i dati perfettamente interpretabili in base alle equazioni di Einstein. 

Difficile pensare che l'Accademia delle Scienze svedese possa far finta di niente. Più difficile sarà stabilire chi riceverà, martedì 4 ottobre, la fatidica telefonata da Stoccolma con l'annuncio dell'avvenuta designazione. Infatti LIGO è un esempio di collaborazione scientifica tipica delle grandi imprese della fisica contemporanea: il singolare "osservatorio" è stato voluto e realizzato dal Caltech (California Institute of Technology) e dal MIT (Massachusetts Institute of Technology) e ha avuto il supporto della National Science Foundation (NSF) statunitense. Ma vi collaborano un gran numero di ricercatori di tutto il mondo, compresi diversi italiani: da una di questi, Laura Cadonati, il pubblico del Meeting di Rimini ha potuto ascoltare poco più di un mese fa l'appassionato resoconto della scoperta; e ancora lo potrà ascoltare il prossimo 9 ottobre durante la manifestazione BergamoScienza. 

Inoltre LIGO fa parte di un network internazionale di osservatori, come GEO 600 (Germania), TAMA (Giappone) e Virgo (in Italia, vicino a Pisa). E proprio alla collaborazione LIGO/Virgo si deve l'analisi dei dati che ha portato alla scoperta.

Quindi, se vincerà la Relatività, chi sarà chiamato a ritirare il premio il prossimo 10 dicembre? Ci sono tre nomi che circolano insistentemente: Ronald W.P. Drever e Kip S. Thorne del Caltech, Rainer Weiss del MIT. Sono tre professori emeriti di fisica, che hanno contribuito notevolmente alla nascita e allo sviluppo del rivelatore interferometrico di LIGO. Di questi il più noto è Thorne, uno dei brillanti giovani astrofisici che negli anni intorno al 1970 hanno collaborato col grande John Archibald Wheeler a Princeton nello studio dei buchi neri: tra loro Charles Misner, l'italiano Remo Ruffini e il più famoso Stephen Hawking. 

Ma la notorietà di Thorne è legata anche al grande schermo: ci sono infatti le sue idee sui wormhole — i tunnel spazio-temporali — dietro la sceneggiatura di due film che è riduttivo definire fantascientifici: Contact e Interstellar. Nel primo aveva suggerito all'autore, l'astrofisico Carl Sagan, di farli utilizzare dagli alieni; nel secondo, recente successo hollywoodiano, sono Matthew McConaughey e Anne Hathaway ad attraversarli alla ricerca di nuovi mondi.

© Riproduzione Riservata.