BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ROBOT “DA COMPAGNIA”/ I nipoti non servono più, ora per la solitudine dei nonni arrivano gli androidi

Robot per anziani soli: combattono anche la sedentarietà e li rendono più "social". La nuova sfida della tecnologia: il progetto ElliQ della start-up Intuition Robotics

ElliQ, il robot di Intuition Robotics ElliQ, il robot di Intuition Robotics

ROBOT PER ANZIANI CONTRO SOLITUDINE E SEDENTARIETÀ

La solitudine non sarà più un problema per gli anziani grazie al processo di Intuition Robotics, una start-up israeliana leader nello sviluppo di robotica dedicata all'assistenza delle persone di età avanzata. Il progetto è stato chiamato ElliQ: si tratta di un assistente domestico. Il piccolo robot-tutor è in grado di tenere compagnia agli anziani, spingendoli a interagire con altre persone o a fare attività fisica. La solitudine non è infatti l'unico problema per loro, ma lo è anche la sedentarietà. Come funziona ElliQ? É un dispositivo da scrivania: ha un corpo con uno schermo, è in grado di ruotare e inclinarsi per adattarsi alle esigenze degli utenti, che potrebbero avere problemi di mobilità. L'anziano può attivarlo semplicemente con la voce, ma lo schermo lo rende adatto anche per chi ha problemi di udito. ElliQ non è però solo un robot che fa "compagnia" agli anziani: suggerisce attività, dalla passeggiata alla visione di video, passando per l'ascolto della musica; può essere anche usato come promemoria per prendere le medicine.

IL LATO "SOCIAL" PER INCORAGGIARE L'INTERAZIONE

Ma caratteristica ancor più importante è quella di incoraggiare gli "assistiti" all'interazione. Il lato social è molto importante: l'assistente domestico della Intuition Robotics incoraggia le interazioni sociali con metodi tradizionali, suggerendo ad esempio una telefonata ai parenti, e con mezzi più moderni, come social network e programmi di messaggistica. La dotazione tecnologica è infatti molto avanza: al riconoscimento vocale è affiancato quello facciale, ci sono telecamere integrate e sensori. La domanda sorge spontanea: come possono approcciarsi gli anziani ad uno strumento così moderno? ElliQ può mostrare l'ultimo selfie che la nipotina ha postato su Instagram, ma sarà facile spingere la nonna a lasciare un like o un commento? La start-up punta allora sulla facilità d'uso. E può contare su una parte della bellezza di 100 milioni di dollari che il Toyota Research Institute ha deciso di investire per supportare le start-up più promettenti.

© Riproduzione Riservata.