BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Società

J’ACCUSE/ L’apocalisse dei ghiacciai? È tutta da dimostrare

everest_nuptseR375.jpg(Foto)

 

 

Le ricerche sinora svolte ed i dati raccolti sembrano comunque confermare una situazione complessa che vede coesistere tendenze molto diverse nei differenti settori delle alte montagne dell’Asia. In Himalaya, in particolare, sembra prevalere il trend al regresso glaciale. Per il Parco Nazionale del Sagarmatha, nome locale del Parco nazionale dell’Everest(Himalaya Nepalese) alcuni ricercatori italiani hanno quantificato, tramite analisi di cartografia storica e di immagini satellitari, una riduzione areale del 5 per cento tra il 1950 e il 1990. Recenti ricerche di studiosi cinesi hanno evidenziato riduzioni areali dei ghiacciai dell’Himalaya cinese, del Qilian e del Tianshan comprese tra il 5 ed il 10 per cento durante gli ultimi 30 anni mentre gli stessi ricercatori riportano variazioni molto meno accentuate per il settore glacializzato del Tibet; diversamente, altri studiosi per questo settore segnalano invece un’accelerazione della riduzione glaciale in atto. Globalmente le variazioni del glacialismo cinese sono state valutate nel periodo compreso tra il 1960 e l’attuale pari ad una perdità areale del 5,5 per cento. Le variazioni di spessore, estensione e persistenza della copertura nevosa sono invece più complesse di quelle glaciali e i dati sinora a disposizione non permettono per la zona himalayana di delineare un trend chiaro ed univoco.

 

In India la situazione è ancor più complessa. Recentemente il glaciologo V. K. Raina ha smentito, per il settore indiano della catena himalayana, tendenze al regresso glaciale di eccezionale intensità, come invece riportato nel più recente report dell’IPCC del 2007, l’Intergovernamental Panel on Climate Change, dove per i ghiacciai himalayani si ipotizzava la quasi completa scomparsa entro il 2035. Raina, sostenuto anche da molti colleghi occidentali come ad esempio il noto glaciologo americano M. Bishop, ha evidenziato come in Himalaya la situazione sia complessa e senza dati di terreno sia molto rischioso applicare modelli che possono portare a proiezioni apocalittiche. Raina  ha richiesto al contempo alla comunità scientifica di intensificare le ricerche per delineare un quadro realistico ed aggiornato delle risorse glaciali ed idriche della regione.

 

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO