BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Società

IRLANDA/ 2. Waters: ripartire da un Uomo vivo, antidoto a un cristianesimo senza Cristo

scandalo-irlandaR375.jpg(Foto)

Si potrebbe forse dire che l’elemento centrale della cultura religiosa irlandese ruoti attorno al sesto comandamento che, in una sua estesa interpretazione, è stato applicato a ogni manifestazione della sessualità umana. L’ossessione per questo comandamento può ben aver portato alla perversione e alla corruzione descritti nei citati rapporti.

 

I cattolici irlandesi di una certa età sono cresciuti con il senso di una ossessione collettiva nei confronti dei peccati della carne, con la esclusione praticamente di ogni altro tipo di peccato, e con un’enfasi in materia che è completamente separata da una visione globale del desiderio umano. Il rifiuto traumatizzante della natura umana potrebbe essere tra le molte dannose conseguenze, con il risultato quasi inevitabile di una rivolta della natura umana, nei modi più innaturali e mostruosi.

 

Il cattolicesimo irlandese deve affrontare il problema a partire da ciò che questa disturbata teologia ha rimosso. Al centro della crisi del cristianesimo irlandese non c’è il sesto comandamento, bensì il primo. Perché ciò che questa pervertita teologia ha rimosso è Cristo, diventando una forma di idolatria, che venera il moralismo della continenza sessuale mentre riduce Cristo a un’icona sentimentale, presente o assente a seconda dei comportamenti.

 

Il problema più serio e più al fondo è che i cattolici irlandesi sono diventati dei credenti che non credono, definiti meramente da un programma morale e da un’identità tribale. Si è parlato di Gesù così da non suggerire una presenza viva, ma un leader morto, come Marx o Lenin. Le parole dette su Cristo e sul Suo significato hanno spinto a comportamenti e atteggiamenti pii, ma non hanno proposto, e non propongono, il credere sicuro in Qualcuno capace di salvare e redimere la condizione umana.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO