BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA GENOA SAMPDORIA/ Salsano: derby da tripla, Cassano come Mancini

FAUSTO SALSANO, uno dei pilastri della Sampdoria di Vialli e Mancini, analizza la vigilia del derby della Lanterna. Aneddoti, ricordi e pronostici sul suo passato blucerchiato. Parlando anche del suo amico "Mancio"

pazzini_palombo_R375x255_27set09.jpg (Foto)

ESCLUSIVA GENOA - SAMPDORIA - E' stato una delle bandiere della Sampdoria più forte della storia del club blucerchiato. Fausto Salsano ha giocato nella compagine ligure dal 1984 al 1990 e dal 1993 al 1998. Ha conquistato 5 coppe Italia, 4 con la Sampdoria e una con la Roma e una coppa delle Coppe nel 1990. E' stato anche collaboratore tecnico di Roberto Mancini all'Inter per tutta la durata della sua esperienza a Milano, dal 2004 al 2008.

Gli abbiamo chiesto, in questa intervista in esclusiva a ilsussidiario.net, di analizzare il prossimo derby della lanterna, che si giocherà sabato sera alle 20,45. Una sfida molto importante per due squadre di alta classifica, che si giocano un posto in Europa. E chissà in futuro come dice lo stesso Salsano, potrebbe anche avere profumo di scudetto.

Salsano, sabato c'è Genoa - Sampdoria. Che risultato vede?

E' un derby. Può succedere di tutto. Una partita da tripla.

Come vede la Sampdoria di questa stagione?

E' una squadra che sta facendo molto bene, una delle migliori della storia della compagine blucerchiata.

E il Genoa?

Squadra molto tosta, che ha fatto un grande salto di qualità nelle ultime stagioni.

Chi deciderà il derby?

Da parte doriana vedo molto bene Cassano e Pazzini. Di solito è il colpo di genio di un fuoriclasse che decide il derby. Da parte genoana è tutta la squadra che sa essere sempre compatta e incisiva in ogni momento della partita.

Un giudizio sui due allenatori?

Del Neri è da diverse stagioni che sta facendo molto bene. Gasperini ha meno esperienza, ma sa lavorare molto bene.

E Cassano?

Cassano ha tanta genialità e tanta fantasia. Ricorda Roberto Mancini, Anche lui si sacrifica spesso per la squadra e preferisce far segnare i suoi compagni di squadra, piuttosto che segnare.