BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CICLISMO/ Il Giro 2012 partirà dagli Usa? Zomegnan e l'ennesimo attacco alla tradizione ...

Il parton del giro vuole portare la "corsa in rosa" oltre oceano: forse c'è troppa attenzione al marketing e troppo poca alla storia del ciclismo...

GiroUsa_R375_11dic09.JPG (Foto)

Giro d'Italia 2012: Partenza dagli USA. Zomegnan, il patron della corsa rosa, ci ha abituato alle sorprese. Mini tappe, super cronometro, arrivi cicloalpinistici su sentieri impossibili. Questa volta, però, si prospetta qualcosa di incredibile. Su Gazzetta.it si legge che si sta cercando di portare per qualche tappa, nel 2012, il Giro d'Italia negli Stati Uniti. Poi grande trasferimento, fusorario da smaltire, airbus colmi di bici e zeppi di persone... Nella rete la reazione generale dei ciclofili, compreso il sottoscritto, è stata di sconforto, con l'ennesimo attacco alla tradizione del Giro portato da Zomegnan, accusato di esser troppo attaccato al marketing, e poco alle grandi storie del nostro ciclismo. anche il sottoscritto ha avuto questa reazione a leggere Gazzetta.it, eppure... Proviamo per un attimo a immaginare che cosa dev'essere (non solo per gli spettatori, ma anche per i corridori), un cronoprologo a Washington DC, tra le vie del potere imperiale americano, la Pennsylvania e la Constitutional Avenue, toccando il Campidoglio, la Casa Bianca, per poi, attraverso il fiume Potomac, arrivare al traguardo innanzi al monumento ai caduti della Seconda Guerra mondiale (se non un omaggio al potere di Obama, pensiamo questa prima tappa come un ideale inchino a chi ci liberò dai Nazisti).

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO