BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CRISI JUVENTUS/ Il naufragio di Ferrara, Blanc, Secco e la chimera di capitan Lippi

La società non è all'altezza della squadra e l'arrivo programmato del tecnico della Nazionale: confusione e scelte sbagliate in casa bianconera

diego_disperato_R375x255_20dic09.jpg (Foto)

Nelle ultime sei gare sono arrivate cinque sconfitte. L’unico successo (prestigioso) è arrivato grazie alla forza dei nervi contro gli eterni rivali dell’Inter. In certi casi è difficile trovare le parole per descrivere una situazione sempre più imbarazzante. Come ha affermato anche lo stesso Ferrara questi risultati non sono consoni al blasone della Vecchia Signora. Che cosa fare allora? Prima di trovare le soluzioni è giusto chiedersi quali sono i principali responsabili. Partiamo dai vertici. La società nelle persone di Blanc e Secco non ha la stoffa e il peso specifico per reggere il confronto con la rosa bianconera. I due pagano anche la scelta di aver predisposto un progetto, cioè il ritorno di Lippi, che si può realizzare solo con l’attuale guida tecnica. Quindi non si può esonerare Ferrara. Mentre le possibilità di raggiungere il tricolore svaniscono lentamente, è interessante capire se davvero Blanc e Secco credevano allo scudetto. Forse hanno illuso i tifosi, altrimenti non si spiega la mancanza di una presa di posizione netta. Una dirigenza forte in una grande squadra affronta a muso duro i giocatori e, magari, pubblicamente prende le distanze da certi comportamenti.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO