BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA/ Moggi: "Dopo Bettega niente Agnelli, Pandev all'Inter, Ledesma non è da Juve"

Pubblicazione:

Moggi_R375_5mar09.jpg

Luciano Moggi in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net racconta i retroscena della Juventus di oggi (accusando la mancanza di un vero progetto e di un ricambio generazionale) e smentisce il coinvolgimento di Andrea Agnelli nel ritorno in società di Roberto Bettega.

 

Nessuna tragedia, secondo Moggi, sul campionato della Juve, perché i bianconeri sono a una sola lunghezza dal secondo posto, il vero obiettivo di inizio stagione. Sul mercato ipotizza le possibili destinazioni di Pandev (va all’Inter) e Ledesma, anche se critica la sentenza attraverso la quale il macedone si è liberato a costo zero dalla Lazio: «La giustizia non è uguale per tutti». Infine in pieno spirito natalizio spiega ai lettori quanto è stata importante la forza della fede per reggere il peso delle accuse, spesso infamanti, ricevute in questi anni.

 

Può aiutarci a spiegare cosa sta succedendo alla Juve?

Non lo so, bisognerebbe chiamare in casa Juventus. La colpa non è certo tutta di Ferrara che si è ritrovato giocatori (vedi Melo) che non sono all’altezza della Juve. In Italia l’Inter non ha comunque rivali. Bisogna, però, sottolineare che non è stato operato un rinnovamento di alcuni giocatori, che oggi sono in là con gli anni.

 

Cioè?

Beh, la carta d’identità parla chiaro. Ci sono dei giocatori che hanno un’età elevata per fare gli sportivi.

 

Una parte della tifoseria acclama la passata triade. Quanto le fa piacere? Chiaramente è legato ai risultati che abbiamo ottenuto ed alle cose che oggi non vanno. Fa comunque piacere perché è il riconoscimento del lavoro svolto.

 

Oggi, secondo lei, manca un progetto o semplicemente ci vuole maggiore tempo per fare bene?

Andando di questo passo è difficile fare bene. Ma cosa significa fare bene? La Juventus, nonostante le ultime partite, si ritrova a una sola lunghezza dal secondo posto e, quindi, vuol dire che prima non aveva fatto così male. Potrebbe essere un momento di crisi, non vedo dunque tutta questa tragedia. Del resto la Juve aveva il compito di non perdere il secondo posto dell’anno scorso, perché il campionato si sapeva già in partenza che finiva all’Inter.

 

Adesso è rientrato un componente della triade. Da più parti l’ingresso di Roberto Bettega è letto come un interessamento diretto di Andrea Agnelli, figlio di quell’Umberto con il quale avete costruito molti successi…

Lo escludo categoricamente. L’attuale proprietà ha cercato di distruggere gli uomini della precedente gestione. Escludo proprio che ci sia un interessamento diretto di Andrea. La visita a Vinovo era un semplice gesto di cortesia, uno scambio di auguri. Non va da tempo allo stadio e non è nemmeno andato all’ultima partita con il Catania.


Se fossero ancora presenti Gianni e Umberto Agnelli, si sarebbe scatenata la caccia alle streghe di calciopoli nei confronti della Juventus?

 

CONTINUA A LEGGERE L'INTERVISTA, CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO

 



  PAG. SUCC. >