BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA/ Cesare Maldini, Lippi attento al Paraguay! Inter eccezionale ma il "mio" Milan...

CESARE MALDINI racconta le prospettive della Nazionale, che esordirà al Mondiale col Paraguay che proprio Maldini aveva allenato nel 2002. Poi parla di Milan, Inter  e degli allenatori "da esportazione"

Maldini_Cesare_R375_19giu09_phixr.jpg (Foto)

Cesare Maldini, uno dei "grandi vecchi" del nostro calcio racconta, in esclusiva per ilsussidiario.net, le prospettive della Nazionale e del Campionato. Maldini ha alle spalle una carriera molto importante. Giocatore nel Milan, con cui vinse una Coppa dei Campioni nel 1963. Allenatore di varie squadre, tra cui lo stesso Milan dell'Under 21 con tre successi consecutivi nel Campionato Europeo dal 1992 al 1996, allenatore della Nazionale nel 1998 ai Mondiali di Francia. Allenatore soprattutto del Paraguay ai Mondiali di Corea del sud e Giappone nel 2002. Quel Paraguay che sarà aversario dell'Italia nella partita inaugurale del girone a Sudafrica 2010.

Maldini ci sono i Mondiali nel 2010 e l'Italia incontrerà subito il Paraguay, una sua vecchia conoscenza...

Il Paraguay è una squadra temibile, dotata sul piano tecnico e molto forte fisicamente e caratterialmente. Ha giocatori che militano in tanti campionati europei importanti. Credo che l'Italia farà bene a non sottovalutarlo, perchè potrebbe andare incontro a spiacevoli sorprese.

Qual è stata la sua esperienza alla guida di questa nazionale sudamericana?

Direi molto positiva. E' una nazione con grande tradizione calcistica che è riuscita quasi sempre a qualificarsi nelle ultime edizioni dei Mondiali. Un paese che fa della sua Nazionale un motivo d'orgoglio e che riesce col temperamento dei suoi giocatori a fare delle ottime prestazioni sportive.

Saranno Mondiali difficili per l'Italia. Intanto c'è già chi polemizza per la mancata convocazione di Balotelli e Cassano...

Sono due ottimi giocatori. Balotelli è fisicamente molto forte. Cassano è molto dotato sul piano tecnico. Anche se spetta a Marcello Lippi fare le sue scelte.

Che tipo di Italia sarà? Quali saranno le squadre che potranno darle fastidio per la conquista del titolo?

L'Italia parte con un Mondiale vinto nel 2006 e per questo è da mettere nella rosa delle favorite. Poi ci sono le solite squadre... attenzione in particolare alla Spagna che da alcune stagioni fa sempre ottime cose...

Non crede in qualche sorpresa africana, come il Camerun?