BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

COCAINA FLACHI/ Sarà radiato ma non lasciamolo solo

L'attaccante bresciano era già stato squalificato due anni per cocaina

Flachi_R375_14gen10.jpg (Foto)

«No, non sono un drogato». Sono queste le parole amare di Francesco Flachi, che, trovato positivo alla cocaina dopo la gara Brescia-Modena, ora rischia la radiazione. Il fantasista toscano era già stato squalificato due anni per lo stesso motivo. A Brescia, purtroppo, non è il primo caso. Chi ha buona memoria si ricorda anche del laterale Bachini, vittima anche lui della stessa situazione.

In queste ore si è mobilitata la consueta caccia alla streghe nei confronti di un giocatore che ha sbagliato, che per utilizzare le parole sagge di Gigi Maifredi (consulente tecnico del Brescia) è «caduto nei tranelli della vita». Da questo punto di vista l’atteggiamento del Brescia calcio è stato meritorio, perché ha continuato a sottolineare l’aspetto umano della vicenda. Adesso c’è una persona che ha bisogno di essere seguita, non abbandonata. C’è una famiglia che ha bisogno di essere protetta, non messa alla berlina.