BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA/ Cosmi: la rabbia, l'orgoglio e un sogno... allenare la Roma

Pubblicazione:

cosmi_R375x255_14gen09.jpg

ESCLUSIVA - Serse Cosmi è l'allenatore del momento, il suo arrivo ha dato una svolta alla stagione del Livorno, con una serie di risultati strepitosi che hanno infiammato la città e la tifoseria toscana. La sua è la rivincita di un tecnico che ha vissuto anche alcuni momenti difficili, dopo il periodo felice al Perugia, la squadra della sua città. Qui dal 2000 al 2004 ha collezionato numerose soddisfazioni, portando la compagine umbra alla partecipazione della Coppa Uefa. Quindi le esperienze al Genoa, all'Udinese e al Brescia. Ora il ritorno,  raccontanto a ilsussidiario.net, da protagonista nella massima serie.

Cosmi il suo ritorno in serie A è stato molto positivo...

Sono contento di essere tornato a buoni livelli, di stare facendo bene qui a Livorno. Segno che sono ancora un allenatore che ha delle qualità e che si intende di calcio.

 

Quanto conta la sua carica, la sua grinta nei successi del Livorno?

Io ci metto molto carattere. Quando sono in panchina mi trasformo e do tutta la carica agonistica e emotiva per spingere i giocatori a dare il meglio di sé. Ma i successi del Livorno fanno parte anche della bravura di un gruppo di ragazzi che sta dimostrando tanta applicazione nel lavoro quotidiano.

 

Lucarelli e Tavano sembrano essersi ritrovati...

Lucarelli e Tavano tecnicamente non si discutono. Ultimamente stanno facendo bene. Ora hanno tutto il girone di ritorno per confermare le loro qualità.

 

E poi c'è Candreva...

Candreva è veramente forte. Lo ha già dimostrando con la convocazione in Nazionale. Ha sicuramente patito anche lui un periodo di appannamento, ma resta sempre uno dei migliori calciatori del campionato nel suo ruolo.

 

Insomma è un Livorno che può puntare a qualcosa di più della semplice salvezza?

No. Noi dobbiamo restare umili e cercare di fare il nostro campionato. La salvezza è il nostro obiettivo principale. Andare più in la credo sia difficile. Basta arrivare un punto sopra la quartultima.

 

Livorno è una città innamorata della sua squadra, molto passionale...

Livorno si identifica molto con la sua squadra. Vive con passione e amore infinito le sorti del Livorno calcio. In questo senso la spinta che ci danno è inestimabile.

 

Ricorda un po' Perugia?

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO

 


  PAG. SUCC. >