BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA/ Castagner: Inter Milan sarà derby scudetto, Juventus squadra senza identità

ILARIO CASTAGNER opinionista delle reti Mediaset analizza la prima fase del campionato e promuove la Roma e Napoli

leonardo_mourinho_R375x255_10gen10.jpg (Foto)

ESCLUSIVA - La differenza tra Milan e Inter? L’esito dello scontro diretto dell’andata, ma in quell’occasione non era il vero Milan. Ilario Castagner, oggi opinionista televisivo per le reti Mediaset (oggi commenta Milan-Siena sul digitale terrestre) e un tempo allenatore di successo, analizza per ilsussidiario.net dal punto di vista tecnico la situazione della massima serie in una stagione nella quale l’Inter «sta facendo di più dello scorso anno».

 

Nessun dubbio sul fatto che il Milan sia l’antagonista dell’Inter. Fra le squadre di vertice, Castagner, in particolare, elogia il Napoli e la Roma («la Roma al completo può vincere contro chiunque») per la pericolosità in fase offensiva e mette in guardia la Juventus («non ha una propria identità»), attesa da una gara tosta contro il Chievo. Per uscire dalla crisi i bianconeri non possono fare a meno di un Diego in versione trequartista, perché il brasiliano, che indietreggia molto, ha bisogno di dialogare con due punte.

 

L’ultimo turno della massima serie ha svelato l’anti Inter. E’ incolmabile la differenza tra la capolista e la sua diretta inseguitrice? Non c’è dubbio che il Milan sia l’unica squadra in grado, per gioco e potenzialità, di rompere le scatole all’Inter. Ha trovato, però, l’Inter che sta facendo di più dello scorso anno. La differenza di punti tra Milan e Inter nasce dall’esito dello scontro diretto dell’andata.

 

Quanto è cambiato il Milan dall’inizio della stagione?

Il Milan è una squadra. Ha finalmente trovato continuità. Il Milan di oggi è quello vero, è tosto. La Juventus ha abdicato il discorso scudetto.

 

La Vecchia Signora vista all’opera contro il Napoli è una paziente che ha curato la sua patologia?

E’ ancora presto per dirlo. La squadra non ha una propria identità. Mi viene ancora in mente il match con il Bayern quando durante la telecronaca sobbalzavo sulla sedia perché trovavo semplicemente incredibili alcuni atteggiamenti tattici.

 

CONTINUA LA LETTURA CLICCANDO QUI SOTTO