BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

AS ROMA/ John Arne Riise: quel norvegese con un cuore grande così

Riise_R375_25gen10.jpg(Foto)

 

Soddisfazione e tanto cuore per questo ragazzo classe 1980 che sabato sera, in barba alla notte polare di Torino, è sceso in campo con la maglietta a maniche corte e la grinta di sempre. E non è un caso che i tifosi giallorossi da diversi mesi lo abbiano accolto nell'Olimpo dei loro beniamini dedicandogli un coro. Sabato sera poi, di ritorno dalla trasferta, all'aeroporto di Fiumicino il difensore è stato "assalito" dall'affetto straripante di oltre 400 tifosi in visibilio, mentre ieri, in quel di Trigoria, si sono susseguiti a gran voce incintamenti e cori per lui, l'eroe di Torino.

 

Ogni volta che prende palla nel corso di una partita, dagli spalti si alza una voce all'unisono ("tira! Tira!") e sale l'entusiasmo di un'intera tifoseria che, a prescindere dall'inaudita potenza del suo tiro, si è lasciata catturare dalla grande determinazione con cui il norvegese scende in campo. Sempre, con il cuore e il sudore. La sua prestazione ha fatto gioire anche la dottoressa Sensi che, a Centro Suono Sport, ha dichiarato raggiante: "John è un uomo di grande spessore, soprattutto per lo spogliatoio. Il suo gol mi ha riempito di gioia".

 

Lo stesso Riise, celebrato a dovere dai media norvegesi, è ben contento ma concentrato sul futuro della squadra. "Roma è la piazza più importan­te della mia carriera, più di Liverpool dove pure sono rimasto per tanti anni togliendomi anche qualche soddisfazione. Il mio obiettivo è quello di vincere qualcosa di im­portante con questa maglia per­ché lo merita Roma, la Roma, la gente romanista. Ora mi godrò questa vittoria ma da domani, come è mia consuetudine, guar­derò avanti".

 

(Marco Fattorini)

© Riproduzione Riservata.