BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Juventus, la prima di Zaccheroni, colui che disse: «A Torino esiste solo il Toro!»

zaccheroni_torino_R375x255_31gen10.jpg (Foto)

 

La squadra veleggiava verso la zona Uefa, quando il vento cambiò radicalmente direzione. Il Torino collezionò sei sconfitte consecutive, ma non fu solo quanto visto in campo, a sancire l'addio a Zaccheroni. Nei giorni precedenti la sua ultima panchina granata, ecco che sul sito personale dell'uomo-simbolo Rosina vengono pubblicate le pagelle dei compagni relative alla gara precedente: sono giudizi di una ferocia inaudita, che scatenano forti polemiche. Il fantasista si dichiarerà poi ignaro della vicenda, ma a Verona, contro il Chievo, sarà lasciato in tribuna dal tecnico romagnolo.

 

E la non-prestazione della squadra (che perse 3-0) venne letta come un ammutinamento nei suoi confronti. Non sarebbe stato l'ultimo, nella storia recente del Toro. Era, quello, probabilmente il peggior momento per lavorare alle dipendenze di Cairo in veste di allenatore: i difetti del presidente granata, successivamente in parte annacquati, emersero con forza. Il suo primo anno nel mondo del pallone fu caratterizzato da successi e fortuna inaspettati, e convinsero una persona già naturalmente incline a tali convinzioni a persuadersi di possedere i segreti del calcio, di prendere decisioni sempre giuste e vincenti, e di non avere bisogno di affidarsi ad alcun collaboratore.

 


COMMENTI
31/01/2010 - Zaccheroni come Capello? Speriamo! (Giuseppe Crippa)

Ringrazio Stefano Cenni per l'accostamento, augurando a Zac ed alla Juve un percorso professionale simile a quello di Capello!!!

 
31/01/2010 - Perchè questa sorpresa? (Stefano Cenni)

Perchè stupirsi?? Anche Capello,prima di andare alla Juve,quando era alla Roma disse:"Mai,sarò un allenatore della Juventus".Poi.... Le opportunità sono sempre opportunità... o meglio "carpe diem".