BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VANCOUVER 2010/ Zoeggler di bronzo: il quinto morso del cannibale

L'atleta altoatesino ha conquistato a Vancouver la quinta medaglia in altrettante Olimpiadi

Zoeggler_R375_15feb10.jpg (Foto)

VANCOUVER 2010 - Arriva, inesorabile, la medaglia dallo slittino, la seconda del carniere azzurro, dopo quella a sorpresa di Pittin nella combinata nordica. Il bronzo di Armin Zoeggler, trentaseienne di Foiana può essere forse una delusione per alcuni, visto che Armin ci aveva ormai abituati all'oro. Ma in una gara stravolta dalla tragedia Kumaritashvili, con il percorso accorciato che esaltava le doti degli atleti forti nella spinta (Zoeggler non è fra questi) e le condizioni climatiche ballerine, è un bronzo che vale letteralmente oro. 

 

Zoegller con questa medaglia si innalza tra gli atleti azzurri immortali, con 5 piazzamenti conquistati in altrettante edizioni dei Giochi invernali (bronzo a Lillehammer, argento a Nagano, ora a Salt Lake City e a Torino e bronzo a Vancouver). Gli azzurri che hanno fatto meglio di lui alle Olimpiadi sono solo Stefania Belmondo, Manuela di Centa e Eugenio Monti... e a pari merito con Armin c'è un certo Alberto Tomba...