BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LE PAGELLE/ Milan - Manchester United (2-3): le pagelle dei rossoneri

ronaldinho_scholes_R375x255_16feb10.jpg (Foto)

Antonini 6.5 Bene per tutto il primo tempo, poi a 5 minuti dalla fine esce per infortunio. Peccato perché il gol del pareggio prende avvio dalla sua parte ma probabilmente era già azzoppato e ha lasciato passare il cross vincente.

 

Beckham 6 Più Gattuso che Beckham, sgobba da centrocampo all'indietro verso la difesa.

 

Pirlo 5.5 Una cassaforte dei palloni milanisti e punto di riferimento per difensori che devono liberarsi della palla. Tenta anche il colpo con una punizione all'incrocio ma questa sera Van der Saar le prende tutte. L'intervallo risulta fatale anche per lui, irriconoscibile nei secondi 45 minuti.

 

Ambrosini 6.5 Più regista che incontrista e anche questa parte non ha difficoltà a recitarla. Quando esce Beckham torna a sgobbare e non delude. Merita ancora un grazie ma non una squadra cosi povera.

 

Pato 4.5 Se il Milan dovrà andare a Manchester con il coltello tra i denti per passare il turno lo si deve molto ai suoi errori in fase conclusiva, almeno due gol se li è mangiati e non si è mai liberato del suo avversario.

 

Huntelaar 5 Non fa paura ai difensori questo è il suo limite e i suoi compagni non lo considerano un arma letale. Anche lui ce la mette tutta a sbagliare gol non approfittando dei regali della difesa del Manchester

 

Ronaldinho 6.5 Parte alla grande e trova anche, sempre con l'aiuto di San Siro, il gol con deviazione a 3 minuti dall'inizio. Poi è sempre una bella spina nel fianco per la difesa inglese e cerca anche la conclusione vincente. Qs sera non gli si può dare colpe.

 

Favalli 6 Entra a freddo alla fine del primo tempo per rilevare Antonini. Dimostra che di avere ancora voglia di combattere quando il nemico assale.

 

Seedorf 6 Entra per Beckham azzecca solo il tacco del 2 a 3, e questa sera si chiudano gli occhi sul  resto e mestamente lo si ringrazi.

Inzaghi sv Al posto di Huntelaar ha solo il tempo di sbagliare anche lui l'unica occasione a disposizione. Peccato poteva essere il pareggio e un paio d'etti di speranza in più per il ritorno.


(Frank Machine)

 

 

© Riproduzione Riservata.