BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

INTER/ Eto'o: Vi racconto la mia "fortuna"e l'aiuto ai bambini nei carceri del Camerun

Eto_o_R375_25feb10.jpg(Foto)

Quando sono andato nel carcere di Douala ho trovato ragazzini anche di 9 anni incarcerati insieme agli adulti in condizioni difficilissime, magari incarcerati per aver rubato frutta al mercato. Rimangono in cella per molto tempo solo perché non possono pagare la tassa giudiziale che equivale a 10 euro. Mentre raccolgo questo premio, sono il volto visibile di chi lavora con me e che con me è riuscito a fare qualcosa per i minorenni in prigione.

 

In cosa consiste la vostra azione?

Stiamo combattendo perché questo non accada più nel frattempo abbiamo creato una scuola nel carcere, con professori, computer, attrezzature e per me la più grande soddisfazione è stata vedere un ragazzo che ha preso la maturità in carcere. Io non giudico mai, è Dio solo che può giudicare perché un bambino sia in prigione. Quando mi hanno detto che avevo vinto il premio, ho pensato ai ragazzi che aiuto. La mia “famiglia”, oggi, è aumentata, non è stretta al mio nucleo personale.

 

Che ne pensa del razzismo negli stadi?

Lo stadio è il riflesso della società. Chi viene a gridare “negro” lo fa per ignoranza, non ha avuto la possibilità di viaggiare e conoscere altre culture, altrimenti saprebbe che siamo bianchi, neri, rossi ma siamo uno. Perché io ho lo stesso sangue che hai tu, se mi ferisco sarà rosso come il tuo. È necessario aiutare queste persone a comprendere, ma certe posizioni non le può prendere il singolo giocatore. Spetta ai governanti, è una questione sociale e politica.

 

A lei è capitato di essere oggetto di insulti razzisti?

Solo una volta a Saragozza, in Spagna. Lì mi è capitato che mi facessero il verso della scimmia. Mi sono sempre chiesto perché queste persone comprano un biglietto per venire a vedere giocare una scimmia.

 

 

(Intervista a cura di Emanuela Citterio)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
26/02/2010 - ma wome? (alberto rossi)

certo che a sentire il racconto di Nando Sanvito nelle sue storie di sport su quanto avvenuto tra Eto'o e Wome dopo la fallita qualificazione ai mondiali 2006 emerge anche un Eto'o decisamente diverso...penso che qualcuno conosca bene il riferimento. ciao e buon lavoro

 
26/02/2010 - Sono questi giocatori che riscattano il calcio (Claudio Scardillo)

Grandi! Questa è VERA informazione perchè dopo aver letto questo uno non può restare quello che era prima di leggere. Sono un affezionato tifoso milanista: Grazie per aver raccontato un pò di una persona di grande spessore che per me da oggi sarà guardata con più attenzione e grande simpatia! Fatemi sapere come si può aiutarlo in quello che sta facendo con la sua associazione/fondazione(?).