BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA FIORENTINA JUVENTUS/ Torricelli, Juve, serve pazienza intanto hai Del Piero, Viola bravi su tutti i fronti

DelPieroEsultaR375_15dic08.JPG (Foto)

E’ il migliore. Sia in campo che nello spogliatoio, uno che sa darti la carica e anche contribuire a creare il gruppo.

 

Parliamo della Fiorentina. E’ un’annata difficile anche per la squadra viola…

Non direi. in Champions finora ha fatto molto bene e si è qualificata per la semifinale di Coppa Italia. In campionato anche lei ha pagato i tanti infortuni che ha avuto e comunque si sta comportando egregiamente. Il mio giudizio sulla sua stagione è positivo.

 

Con il Bayern come finirà?

Ci sono tutte le premesse perché la Fiorentina possa fare un grande risultato. Le possibilità ci sono. Sono fiducioso.

 

E questo scudetto quando arriverà?

La società sta investendo molto e bene, certo competere con questa Inter non è assolutamente facile. Ma le possibilità per arrivare allo scudetto, in futuro, ci saranno.

 

Lei attualmente è allenatore del Figline. In futuro le piacerebbe sedere più sulla panchina della Juventus o della Fiorentina?

Sono due club a cui sono molto legato, che mi hanno dato tanto. A me andrebbe bene sedermi su qualsiasi panchina.

 

Che differenza c’è tra il pubblico bianconero e quello viola?

A Torino si vuole sempre vincere, il pubblico molto competente. Firenze ha a sua volta una tifoseria molto calda e nello stesso tempo molto attenta.

 

Cosa pensa di Giovanni Trapattoni, l’allenatore che l’ha scoperto?

Gli devo tutto, è un grande. Lo aspetto con la sua Irlanda per un grande Europeo.

 

Al Figline c’è Enrico Chiesa. Qual è il suo giudizio su di lui?

Adesso è fermo per infortunio. E’ uno dei centravanti più grandi della storia del calcio italiano e spero di vederlo di nuovo in campo più forte di prima.

 

Forse almeno in prima divisione il calcio si vive in maniera diversa. La scorsa settimana in Chelsea - Manchester City i tifosi dei “blues”, hanno applaudito i giocatori anche se sconfitti la squadra avversaria. Non è un esempio di cultura sportiva?

In Inghilterra è così, è il loro modo di vivere il football. Certo è un esempio di cultura sportiva: si applaude giustamente la squadra che gioca meglio. In Italia non siamo ancora arrivati a questo. Stiamo aspettando che anche da noi prevalga la sportività e l'etica dello sport.

 

(Franco Vittadini)

© Riproduzione Riservata.