BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NBA/ Derby ai Nets. Un buon Gallinari condizionato dai falli. New York Knicks - New Jersey Nets 93-113.Video

Pubblicazione:domenica 7 marzo 2010

gallinari_R375x255_05mar09.jpg (Foto)

Nel secondo tempo coach D’Antoni rimette sul parquet sia Gallinari che Lee, anche quest’ultimo condizionato dai falli, e i due vanno subito a bersaglio con i primi quattro punti. E’ però solo un fuoco di paglia, perché l’ennesimo fallo fischiato a Danilo e l’estro offensivo degli esterni dei Nets mettono in difficoltà dei Knicks che faticano a trovare il fondo della retina. Chandler e Lee fanno del loro meglio ma il piazzato di Harris fissa il parziale del quarto sull’83-72. La frazione conclusiva si apre con i Knicks che, sospinti dal pubblico, provano con tenacia a colmare il divario di punti creatosi.

 

E’ un botta e risposta continuo, finchè una serie sconcertante di triple del backcourt dei Nets ed un canestro con fallo di Lopez portano gli ospiti sul +17 (82-99). La partita è ormai sfuggita di mano. I Knicks se ne accorgono e si adeguano al garbage time giocando senza voglia, schemi e concretezza. La partita giunge così al termine con il punteggio di 93 a 123. Paperino si lascia alle spalle le luci della grande città e porta a casa una larga vittoria contro una avversario troppo incostante per meritarsi qualcosa di più. E’ evidente il rammarico di D’Antoni nel postgame con i giornalisti. Dover sempre giustificare delle sconfitte non è facile ma quando si deve andare a lezione dall’ultima della classe le cose si fanno ancora più ardue. Anche Danilo non può certo dirsi soddifatto. Senza condizionamento di falli avrebbe potuto giocare un partita differente e magari cambiare anche le sorti per i suoi. Il Gallo però, disponibile come sempre, si concede negli spogliatoi agli inviati del Ilsussidiario per un intervista che sarà on-line tra qualche giorno. Nel lasciare il palazzetto in macchina è poi accolto da un capannello di tifosi italiani che lo incitano e lo rincorrono per chiedergli un autografo ed incoraggiarlo. Il contesto di squadra attuale non è dei più facile, ma con dei tifosi così e con una città come New York che lo adora, il futuro non può che essere roseo.

 

(Cristian Franceschini)

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER VEDERE LA SINTESI DELLA GARA


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >