BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BLOOPERS/ Gli zombi hi-tech, l’auto di Terminator e il bikini de Il marchese del grillo

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Una scena del film La terra dei morti viventi  Una scena del film La terra dei morti viventi

Ciao, Spino, entra pure. Ho appena finito una relazione, ora la stampo e arrivo subito. Metto anche su il caffè, nel frattempo. Lancio la stampa... oooook... bene, ci sono.

 

Che suoni strani arrivano dalla stampante… mah…

 

Cominciamo con “La donna che visse due volte”, del grande Hitchcock, alle 16 su Rete4. Nella scena del ristorante “Da Ernie” quando Scotty è seduto al bar per osservare Madeleine, a un certo punto lei e il marito si avviano all’uscita. Lei si ferma, mentre lui va al guardaroba - segue stacco su Scotty che la guarda - nuovo stacco su Madeleine con trucco diverso, pettinatura più acciaccata, sopracciglia più marcate - altro stacco su Scotty - nuovo stacco su di lei che se ne va truccata e pettinata come all’inizio.

Miracolo...

 

Sai che George Romero è famoso per i film sugli zombi? Nel 2005, tanto per cambiare, ha diretto un altro film di zombi, “La terra dei morti viventi” (Italia1 22.50). Nonostante gli eventi seguano di 20 anni quelli del film “Zombi”, ovviamente sempre di Romero, nel film ci sono oggetti moderni come cellulari, tv al plasma che non sarebbero potuto essere inventati in un mondo invaso da morti viventi…

 

Pignolo.

Spino... qui è successa una cosa strana... ho tutte le stampe a strisce... sono perplessa. Lancio la pulizia testine, un secondo solo...

Dunque, fammi vedere... sabato “I Flintstones in Viva Rock Vegas”, vah. Quando Dino corre sulla tavola fa cadere una scodella sulla testa della madre di Wilma, la signora si toglie la scodella e le rimane un pezzo di cibo in testa. Nell’inquadratura successiva i pezzi sono più di uno.

Dai, in fondo si sa che le mamme esagerano sempre nel far da mangiare, che non sia mai che qualcuno vada via con ancora un po’ fame...



  PAG. SUCC. >