BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BLOOPERS/ Il soprannome di Nightmare, i gol di Squadra antimafia e il doppiaggio de Il falò delle vanità

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Una scena del film Il falò delle vanità  Una scena del film Il falò delle vanità

Benvenuta in agosto, cara Dana! Anche Monaco di Baviera si svuota per le vacanze. Tutti al lago di Garda! Alla radio senti persino le informazioni sul traffico non in “direzione Italia”, ma in “direzione lago di Garda”. E io che faccio? Me ne vado al lago di Costanza! Vieni anche tu o preferisci il lago Maggiore?

 

Preferisco il lago di Varese, ce l’ho sotto casa, sai com’è...

 

Esiste un lago di Varese? Si impara sempre qualcosa di nuovo.

Mentre preparo bagagli e bagaglini comincio a spulciare qualche bel bloopers… come quelli di “Un sacco bello”, oggi su Retequattro alle 23.15. A quanto pare si vede Verdone ripetere spesso nel labiale le battute degli altri attori: accade nella scena col “dottorino”, in quella del grande Mario Brega che dichiara di essere “comunista così!”… ma era il suo primo film, dai, poverino!

 

Ma aveva anche un tocco di anni, è un errore che fanno soprattutto gli attori bambini!

Io vado su “28 settimane dopo” alle 23.20 su Italia1. Dovrebbe essere il sequel di “28 giorni dopo”. A breve concluderanno con “28 mesi dopo” e poi la reunion finale con “28 anni dopo”, se va avanti così il trend. Comunque. A un certo punto del film un soldato dice che Londra non ha corrente elettrica se non nella zona protetta. Ma quando Andy e la sorella scappano con lo scooter, si vedono i semafori accesi. E se vanno a batteria io ne PRETENDO una uguale per il mio cellofono.

 

Domani ti lascio il Signore degli Anelli, e mi vado a pescare “Crimen perfecto - Finché morte non li separi”, su RaiUno alle 2.45 di notte. Ché tecnicamente sarebbe domenica, ma in realtà la notte di sabato sempre sabato è. Ho parlato.

 

Mi inchino. Ma sottolineo che per i programmi televisivi il giorno comincia alle 6 del mattino. Ho spiegato.

 

Dicevo, il poliziotto ha appena messo le manette a Lourdes, lei dà una sberla a Rafael con le mani ammanettate facendolo cadere nel vano dell’ascensore, poi lui cade, lei si porta una mano al viso in segno di disperazione... ed è senza manette. La morte non li separerà, ma a quanto pare separa le manette.



  PAG. SUCC. >