BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BLOOPERS/ L'errore di Beethoven e la conoscenza di Ray Charles

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Ludwig van Beethoven (Foto InfoPhoto)  Ludwig van Beethoven (Foto InfoPhoto)

Ignorerò che questa in arrivo è la settimana di San Valentino, anche perché ho un negozio di dolciumi sotto casa e solo a pensarci mi viene il diabete. Parliamo di neve va’: come ve la passate a Varese?

Come il resto d'Italia: FREEEEEEEDDDOOOOOO! Certo, non è come in Trentino, dove 30cm sono “una spolveratina”, ma anche da noi nevica tutti gli anni: è inverno, lo sappiamo, ci organizziamo (e continuo a pensare che a Roma potevano fare una figura migliore dicendo che no, da loro non nevica tutti gli anni e spendere soldini in mezzi che si useranno solo una volta ogni decennio pareva eccessivo... no, eh? A Londra lo han fatto e l'han presa tutti piuttosto bene...).

Direi che cominciamo alla grande, oggi, con “Guida galattica per autostoppisti”, su Rai4 alle 21.10. Uno dei rari casi, secondo me, in cui il film è migliore di un già ottimo libro. Quando arrivano le navi dei Vogon per distruggere la Terra, c'è una breve inquadratura con un televisore e un giornale dove c'è scritto "Dolphins vanish". Sullo schermo del televisore è riflesso il cameraman.

Sarà che Alan da la voce al robottino, per questo il film è migliore persino del libro.

A proposito di voci, in questo caso di voci che cantano, io scelgo “Nine”, alle 21.05 su Rai3. Dopo il sontuoso numero musicale di apertura, il regista Contini si riscopre di nuovo solo sul set in costruzione. Viene raggiunto dal personaggio di Ricky Tognazzi che lo abbraccia e gli da' due bacini. Sul finire dell'inquadratura Tognazzi si volta togliendo la mano dalla spalla di Daniel Day-Lewis, ma nel nuovo shot la mano e' ancora su.

Per sabato propongo il classico riempitivo film-per-tutti-gli-orari, “Il cliente” su Retequattro alle 21.15. Quando Mark, il ragazzino, è disteso nella cella e legge sul soffitto "la verità vi farà liberi....Giovanni 8,3" ma sul soffitto c'è scritto 32. Magari Mark non sa leggere tanto bene… o è un po’ digiuno di Bibbia.

“La proposta”, 21.05, Iris. Charlie (Guy Pearce) fa conoscenza con il cacciatore di taglie che gli porge la mano. In quest'inquadratura, spunta dal nulla un guanto nero che il protagonista indossa alla mano sinistra e che poco prima non aveva. Successivamente sparisce di nuovo. Forse voleva solo vedere come stava con la mise e visto che stonava...

Domingo, domingo… Ridanno “Guida galattica” su Rai4, quasi quasi lo ribloopero… ma no, saliamo di un numero e andiamo su Rai5 con “Io e Beethoven”, alle 23.10. In una scena, Beethoven parla della sonata "Al chiaro di luna". In realtà quest'opera iniziò a essere conosciuta con questo nome solo nel 1832, diversi anni dopo la morte di Beethoven. L'appellativo le venne dato dal poeta Ludwig Rellstab. Beethoven invece l'aveva intitolata semplicemente "Quasi una fantasia".

Qualunque titolo abbia, è una delle mie preferite.

Visto che ho finito di leggere un libro meravigliosissimo che parla anche di lei, scelgo uno dei film che mi piacciono di più, “Jane Eyre”, alle 21.05 su Iris. Mentre il signor Brocklehurst sta facendo la tirata sulla "vanità" osservategli le mani: mentre cita il versetto biblico ha la mano accanto al mento e proprio una frazione di secondo dopo ce l'ha a livello dell'inguine intrecciata con l'altra.

 

 

 


 

 




  PAG. SUCC. >